Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consegnata alla famiglia la salma di Salvatore Giardinelli, morto ieri nell’incidente a Isolabona fotogallery

Il magistrato non ha disposto l'autopsia. Forse non i due coniugi non indossavano le cinture di sicurezza

Isolabona. Non verrà effettuata nessuna autopsia sulla salma di Salvatore Giardinelli, l’ottantunenne che ieri pomeriggio ha perso la vita finendo in un dirupo mentre a bordo della sua auto percorreva una stradina di campagna nel comune della val Nervia. Il magistrato ha disposto nella serata di ieri la restituzione della salma alla famiglia Giardinelli.

A bordo della Fiat Panda, andata completamente distrutta nell’incidente, c’era anche la moglie di Salvatore: Rosa, 80 anni, rimasta gravemente ferita ed elitrasportata al Santa Corona di Pietra Ligure. I due anziani coniugi vivevano a San Biagio della Cima e, stando a quanto fino ad ora ricostruito, non avevano campagne nella zona in cui è avvenuto l’incidente e nessuno dei residenti aveva mai visto quella coppia. “Qui siamo in pochi e ci conosciamo tutti, ma loro non sappiamo chi siano”, hanno dichiarato ieri gli abitanti della zona, che per primi hanno cercato di soccorrere i due coniugi. “La signora era cosciente, anche se sotto choc, abbiamo fatto di tutto per tenerla sveglia”, hanno raccontato. Per Salvatore, invece, non c’era più niente da fare: è morto sul colpo.

Entrambi i coniugi erano fuori dalla vettura: forse non indossavano le cinture di sicurezza o forse queste si sono strappate, fatto sta che i due i due passeggeri della Panda sono stati sbalzati fuori dal mezzo e quando i soccorritori li hanno raggiunti erano adagiati a terra: la donna sul ciglio della strada, il marito qualche metro più in basso.

Una zona impervia, quella dove è avvenuto l’incidente: una campagna che in certi punti lascia spazio al bosco. Oltre ai residenti, sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Ventimiglia, l’elicottero “Drago” del 115, due ambulanze della Croce Azzurra di Vallecrosia, l’automedica del 118 e i carabinieri per i rilievi del sinistro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.