Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, approvato progetto di fattibilità per scuola dell’infanzia: acceso il dibattito in consiglio comunale foto

Contrari i consiglieri De Vincenzi e Mara Lorenzi. Mauro Bozzarelli, astenuto, esprime perplessità

Bordighera. E’ stato approvato in consiglio comunale con la votazione favorevole della maggioranza e dei consiglieri di opposizione Massimo Fonti e Marco Laganà, il progetto di fattibilità tecnica ed economica per realizzare la nuova scuola dell’infanzia in sostituzione di villa Felomena. Contrari al progetto i consiglieri di minoranza del gruppo “Bordighera in Comune” Mara Lorenzi e Luca De Vincenzi; astenuti Mauro Bozzarelli, Stefano Sapino e Giovanni Ramoino.
La presentazione del progetto ha tenuto banco in consiglio per circa un’ora: con un botta e risposta tra la maggioranza e i consiglieri De Vinceni e Lorenzi, contrari al progetto che prevede, in partenza, la realizzazione di un’autorimessa per circa 43 posti auto che andrà a sostituire il parcheggio sterrato presente al momento.
“Si tratta di un progetto preliminare per una nuova scuola dell’infanzia per sostituire l’attuale villa Felomena”, ha spiegato l’assessore alla Scuola Margherita Mariella, “Il progetto prevede un investimento di circa 6 milioni di euro per 200 alunni che l’amministrazione intende realizzare suddividendolo per lotti”.

“Bordighera in Comune si è sempre impegnata per il bene della scuola”, ha dichiarato Luca De Vincenzi, “Abbiamo chiesto più volte che si intervenisse e che venissero fatti nuovi progetti, quindi ben venga una scuola nuova nel centro di Bordighera. Ma ci sono cose che non ci piacciano, come il fatto che un’area verde diventi un parcheggio. Per quanto riguarda la scuola, che tutti vorremmo, i finanziamenti non ci sono. Oggi l’amministrazione finanzia la realizzazione di un parcheggio all’interno di un’area scolastica. Un parcheggio che poi non è nemmeno vincolato ad uso scolastico. Sarebbe stato necessario un progetto globale che riguardi scuola materna, elementari e medie”.

“Lei quando inizia a costruire una casa inizia dalle fondamenta o dal tetto?”, ha replicato l’assessore Mariella, architetto di mestiere, “Innanzitutto quello che diventerà un parcheggio non è un’area verde ma un parcheggio sterrato. Poi questo è uno studio di fattibilità e costituisce una base per la realizzazione della scuola. Non avendo costi di scavo per il parcheggio, abbiamo reputato di procedere così. La nuova villa Felomena sarà alla stessa quota della precedente e avrà la stessa dimensione. Abbiamo ragionato così perché se aspettiamo di avere 6 milioni di euro in tasca, la scuola non si sarebbe fatta mai”.

La spiegazione dell’assessore non ha convinto i due consiglieri di opposizione che sono rimasti fermi sulla propria convinzione: “L’area è ben fornita di parcheggi”, ha concluso De Vincenzi, “Quei soldi si potevano destinare per la scuola dell’infanzia”.

Perplessità anche da parte del consigliere Mauro Bozzarelli (Bordighera Mia): “Come mai questa amministrazione ha cambiato linea di mandato rispetto al progetto iniziale che prevedeva un plesso scolastico nuovo e moderno in via Cagliari? Quando ancora facevo parte di questa maggioranza i tecnici dissero che per mettere a nuovo tutti i plessi scolastici attuali ci sarebbero voluti 5 milioni di euro e che si trattava di una spesa superflua in quanto con quella cifra si poteva costruire una scuola nuova in via Cagliari in grado di ospitare tutti gli alunni di Bordighera. Da allora nessun passo è stato fatto verso questo progetto. Oggi ci troviamo davanti ad un altro progetto, più caro di quello di allora, e che andrà ad ospitare solo una parte dei bambini di Bordighera. Non riesco a comprendere cosa ha fatto spostare l’interesse di questa amministrazione dal progetto di una scuola sicura per tutti i bambini a quello, invece, di 6 milioni di euro per 200 bambini”.

“Dal punto di vista finanziario”, ha risposto l’assessore al Bilancio Silvano Maccario, “Per costruire una scuola che potesse ospitare tutti gli studenti di Bordighera si sarebbero dovuti impegnare 11 milioni di euro e non 5. Inoltre il progetto della nuova scuola era subordinato ad quello privato che purtroppo la crisi economica impedisce di fare. In cambio di quel progetto, il Comune avrebbe avuto 10 mila metri quadrati di terreno per costruire la scuola. Per questo si è deciso di optare per un secondo progetto”.

Approvata con i voti favorevoli della sola maggioranza (contrari Bozzarelli, Sapino, De Vincenzi, Lorenzi e Ramoino; astenuti Laganà e Fonti) la quinta variazione di Bilancio di previsione necessaria per reperire le risorse per finanziare il primo lotto dei lavori per la realizzazione della scuola. La variazione prevede uno storno di 550mila euro inizialmente destinati all’acquisto delle quote di Villa Regina Margherita e ora virati sul progetto della scuola. Idem per 203mila euro che, stornati da interventi su Villa Felomena, saranno impegnati per il primo lotto di lavori per la nuova scuola dell’infanzia.

“Come intendente finanziare l’acquisto di Villa Regina Margherita se stornate 550mila euro?”, ha chiesto il consigliere Giovanni Ramoino, “A quali interventi avete rinunciato su Villa Felomena, se spostate da questa voce 203mila euro lasciandone solo 17mila per l’attuale scuola dell’infanzia?”.

“La Provincia non ha ancora prodotto la perizia sul valore della villa dopo il restauro”, ha replicato il sindaco Giacomo Pallanca, “Quello relativo all’acquisto di Villa Regina Margherita è un progetto lungo e complicato da attuare entro il 31 dicembre, termine ultimo che noi abbiamo. Visto che questi soldi non possono andare in avanzo, abbiamo deciso di utilizzarli per finanziare la scuola”.

I 203mila euro prima destinati a Villa Felomena, invece, sarebbero serviti per la ristrutturazione della dimora storica che, nel progetto dell’amministrazione, verrà sostituita entro due anni da una scuola totalmente nuova.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.