Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Sanremo la prima esecuzione della “Messa in do minore” di Mozart

Orchestra Sinfonica di Sanremo con il Coro Filarmonico Musica Nova e le Choeur Philarmonique de Nice

Sanremo. Domenica 29 ottobre alle 16 presso l’Eglise St Pierre d’Arène, 55 rue de la Buffa, a Nice e lunedì 30 ottobre 2017 alle 21 presso la Basilica Concattedrale di San Siro Sanremo. L’ingresso è libero.

Ad appena due settimane dalla prima Rassegna del Festival Europeo delle Corali, organizzato dal Coro Filarmonico Musica Nova e tenutosi con successo di pubblico a Sanremo e a Ventimiglia, il coro prosegue la sua collaborazione con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e con le Coeur Philarmonique di Nice in un’esibizione di un centinaio di coristi nella complessa “Messa in Do minore” a due cori ed otto voci, a Nizza e a Sanremo.

Coeur Philarmonique de Nice diretto dal Maestro Giulio Magnanini è una formazione composta da una cinquantina di coristi appassionati e di buon livello amatoriale che ha cantato sotto la direzione di maestri di fama internazionale, partecipa regolarmente al festival di Musica sacra di Nizza e al Festival “Musique au Coeur” di Antibes.

Il Coro Filarmonico Musica Nova, diretto dal maestro Paolo Caravati lavora sull’affinamento della tecnica vocale con attenzione costante alla qualità e con un repertorio di alto livello. Questa scelta ha comportato, negli ultimi anni, un impegno molto più consistente nello studio e nel perfezionamento, nel lavoro di squadra. Il coro insegna ad andar d’accordo nel senso tecnico del termine, in una cultura dell’individualismo e del sovrapporsi cacofonico e incomprensibile di parole, chi canta in coro lo fa simultaneamente badando all’armonia. Il sacrificio è ripagato dal divertimento e dall’emozione di rendere fruibile a tutto il pubblico la sublimità della grande musica.

La Messa in do minore K 427(composta a Vienna 1782-1783, prima esecuzione Salisburgo 25 agosto 1783) è rimasta incompiuta, stesso destino del Requiem, ma l’incompiutezza della Messa non è causata dalla morte prematura dell’artista. L’opera fu concepita da Mozart come un’offerta votiva per il superamento delle difficoltà che si frapponevano al suo matrimonio e allo stesso tempo come un dono all’amata Konstanze, quindi, Mozart aveva iniziato a comporla per una sua autonoma decisione, uscendo per la prima volta dal sistema della committenza che regolava la produzione musicale dell’epoca e dai vincoli impostigli dall’arcivescovo Colloredo, ma i tempi non erano maturi perché un musicista potesse dedicare la sua arte a una composizione non commissionata, pertanto la messa fu accantonata in favore di lavori più urgenti. Tra i motivi dell’interruzione si cita un editto imperiale del 1783 che limitava l’esecuzione di musica sacra con orchestra nelle chiese.

L’opera rappresenta il ritorno di Mozart alla musica sacra dopo gli anni salisburghesi, in essa troviamo uno sfoggio di fantasia e ispirazione inusuale rispetto alla sua produzione precedente; infatti, nonostante l’incompiutezza, la messa in do minore è la più vasta, complessa e impegnativa composizione sacra di Mozart, dove l’autore riprende gli stili della musica sacra delle epoche precedenti, quasi a voler ancorare la sua Messa alla tradizione. Attinge a Bach e Handel e anche agli italiani come Caldara, Porpora e Pergolesi scrivendo una “personale summa theologica del sacro in musica, i cui principi vengono desunti da una sterminata eredità artistica dagli orizzonti europei” (Giovanni Carli Ballola).

Grande Messa in Do minore di Mozart, K 427 per Soli, Coro e Orchestra.
Orchestra Sinfonica di Sanremo, Direttore Maestro Giancarlo De Lorenzo
Coro Filarmonico Musica Nova, Maestro del Coro : Paolo Caravati
Coeur Philarmonique de Nice , Maestro del Coro: Giulio Magnanini

Soprano: Gabriella COSTA
Soprano: Roberta MAMELI
Tenore : Kim JAEMIN
Basso: Dante MURO

Movimenti:
1. Kyrie
2. Gloria
3. Credo
4. Sanctus
5. Benedictus

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.