Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Viale Matteotti a Imperia e le strisce pedonali della discordia

Una situazione che ha sollevato le proteste degli abitanti di via delle Valli e la storia continua...

Imperia. Prima cancellate, poi tornate al loro posto di qualche metro più indietro. Iniziata in piena estate la battaglia delle strisce pedonali di viale Matteotti, poco oltre la caserma dei carabinieri, tiene banco anche in autunno.

Abitanti ancora sul piede di guerra e una ragione c’è: “Torno a casa e trovo le strisce pedonali appena dipinte a terra – dice Gabriella Mafredi – A parte che sul PEBA (visibile da chiunque online sulla pagina della trasparenza del sito istituzionale del Comune di Imperia le strisce saranno posizionate in corrispondenza dello spigolo ovest tra via delle Valli e viale Matteotti) ad oggi le strisce sono state posizionate in corrispondenza dello spigolo est di via delle Valli. Tale spigolo si trova a circa 20 metri dal punto cieco della curva di viale Matteotti, per cui chi si trova a percorrere in auto viale Matteotti a 50km/ora (dunque nel pieno rispetto del limite di velocità) vedrà il pedone che attraversa la strada a 20 metri”.

Gabriella Manfredi ha approfondito la cosa: “Calcolando (da tabelle ufficiali reperibili su qualunque sito universitario) che il tempo medio di reazione ( in condizioni psichiche ottimali!) è di 0,7 secondi, l’auto avrà percorso 9,7 metri dal momento in cui il conducente VEDE il pedone al momento in cui INIZIA a frenare. Sempre da tabelle che si possono recuperare in rete, un’auto che viaggia a 50 km l’ora si arresta in circa 11 metri (in condizioni ottimali di manutenzione dell’auto e dell’asfalto, ovvero asfalto asciutto). Adesso lascio a voi i conti di quanto mi arriverà vicina l’autovettura”.

Per quanto riguarda il PEBA, che prevede le strisce pedonali in altra posizione, Gabriella Manfredi ricorda a tutti gli imperiesi che “la manutenzione delle strade viene fatta con i nostri soldi, e che cancellare e dipingere la segnaletica a terra HA un costo. Aggiungo che può anche essere vero che “le strisce pedonali servono solo ad aver ragione in caso di investimento”….ma io preferisco aver torto che finire stirata da una macchina”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.