Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, inaugurazione della stagione autunnale dei “Martedì Letterari” con la relazione del professore Louis Godart

Ci sarà anche la prima nazionale della mostra di Ugo Attardi "La finestra sulla città"

Sanremo.Viene inaugurata  il 3 ottobre, nel Teatro dell’Opera alle 16.30,  la stagione autunnale dei Martedì Letterari alla presenza del prof. Louis Godart, docente d Archeologia Classica, già Consigliere per la Conservazione del Patrimonio Artistico del Presidente della Repubblica Italiana. E’ stato scelto un tema di grande attualità: “Dall’antica alla nuova via della seta” che verrà sceverato dal prof. Louis Godart sulla rotta che ripercorre la storia millenaria dei rapporti tra Oriente ed Europa. Un percorso che ha unito Oriente e Occidente e ha permesso alle diverse culture di crescere, attingendo reciprocamente alle conquiste scientifiche e culturali degli uni e degli altri. Il processo continua nella “Nuova via della Seta” che sta impostando rinnovati elementi e canali di relazioni nel grande continente Euroasiatico. Introdurrà il prof. Godart la prof.ssa Maria Teresa Verda Scajola, storica dell’Arte e del territorio. L’Incontro è inserito nel piano di Formazione dei docenti. Verrà inaugurata in anteprima nazionale la mostra di Ugo AttardiLa finestra sulla città, promossa dal comune di Albissola Marina e dalla Fondazioni Cento Fiori di Albissola Marina, in collaborazione con l’Archivio Storico Ugo Attardi di Roma, il MuDA Museo Diffuso di Albisola, il Casinò di Sanremo ed il Circolo degli Artisti di Albissola, a cura di Greta Canepa.
Il professore Louis Godart illustrerà la storia dei rapporti tra la Cina e l’Occidente. Lungo l’antica Via della Seta, che attraversava il vasto continente euroasiatico, l’Oriente e l’Occidente sono entrati in contatto e si sono arricchiti rispettivamente con lo scambio di merci, tecniche e informazioni di ogni genere. Missionari di varie fedi, Cristiani, Confuciani e Buddhisti, seguendo le piste della Via della Seta, si sono conosciuti, hanno dialogato e contribuito a diffondere un clima di tolleranza cha ha scavalcato le frontiere incerte degli Stati e aiutato i popoli a crescere.
Ha sottolineato il prof. Godart:” «Oggi l’attenzione rivolta alle rotte commerciali che attraversano il gigantesco continente euroasiatico s’è acutizzata da quando il Presidente cinese Xi Jinping ha illustrato il progetto avanzato dalla Repubblica Popolare Cinese di aprire una “Nuova Via della Seta” – Questa nuova via collegherà l’antica città di Xi’an con Rotterdam e, attraverso molte diramazioni, con altre grandi città europee tra le quali ovviamente Venezia. Possiamo affermare che l’Europa s’è costruita e arricchita anche grazie all’Asia e ai contatti che dall’alba della storia hanno avvicinato tra loro le donne e gli uomini del vasto continente euroasiatico». (da La Stampa)

Louis Godart è professore di Archeologia Classica all’UniNettuno University. Membro della Scuola Archeologica Francese di Atene dal 1971 al 1973. Professore incaricato di Filologia Micenea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli “Federico II” dal 1.11.1973 al 31.10.1980. Professore straordinario di Filologia Micenea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli “Federico II” dal 1.11.1980 al 31.10.1983. Professore ordinario di Filologia Micenea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli “Federico II” dal 1.11.1983 e come tale in attività di servizio. 2 Nomine accademiche Direttore dell’Academia Belgica di Roma dal 1.10.1983 al 30.09.1988. Socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei dal luglio 1987. Socio dell’Accademia di Francia (Académie des Inscriptions et Belles-Lettres) dal febbraio 1998. Socio dell’Accademia di Atene dal novembre 1998. Socio dell’Accademia Pontaniana (Napoli) dal dicembre 1998. Attività scientifica Dal 1982, direttore della missione archeologica dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” a Creta. Membro del Comitato Scientifico delle Riviste Archeo, Archeologia Viva, Archéologie Nouvelle, Gaia, Res publica Litterarum. Organizzatore di vari congressi nazionali ed internazionali nell’ambito archeologico e filologico relativo alla protostoria mediterranea. Professore visitatore presso varie Università italiane e straniere tra cui: Scuola Normale Superiore di Pisa, Università di Perugia, Università di Lecce, Università di Roma “La Sapienza”, Università di Urbino, Istituto Universitario Orientale di Napoli, Università di Paris I, Università di Paris X, Università di Nancy, Università di Aix en Provence, Università di Londra, Università di Cambridge (Inghilterra), Università di Madison (Wisconsin USA), Università di Liegi, Università di Marburg, Università di Heidelberg, Università di Nürnberg, Università di Atene, Università di Creta. Autore di 29 monografie e 141 articoli scientifici, pubblicati in Italia e all’estero, su argomenti che riguardano le civiltà del Mediterraneo, in particolare le civiltà egee.
Il prossimo appuntamento con la rassegna è per mercoledì 11 ottobre alle ore 16.30 il Prof. Angelo Panebianco relazionerà sull’importanza e le peculiarità della Costituzione italiana a settant’anni dalla sua nascita. L’incontro è inserito nel piano di Formazione dei Giornalisti e dei Docenti. Verrà inaugurata la mostra “I Templari : dalle origini ai giorni nostri. Viaggio attraverso i reperti storici dei Pauperes Commilitones Christi.”, che rimarrà in visione sino al 22 ottobre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.