Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, al via le serate musicali “…aspettando i concerti delle Logge” foto

Nelle serate del 5 e 6 settembre saranno presentati viaggi sonori alla scoperta del flamenco e delle emozionanti note del chitarrista Luigi Puddu

Imperia. Presentata presso la sala delle Commissioni del palazzo comunale di Imperia l’edizione 2017 della rassegna “…aspettando i concerti delle Logge“. Il programma delle due serate musicali del 5 e il 6 settembre alle 21.30 è stato illustrato alla presenza dell’assessore al Turismo e alle Manifestazioni Simone Vassallo e del presidente dell’associazione “Panta Musica” Giovanni Sardo. Il 5 settembre, in piazza San Giovanni, lo spettatore potrà assistere ad un vero e proprio itinerario musicale e sonoro attraverso le note del flamenco; non sarà un semplice spettacolo di musica ma anche di danza e poesia. Ad accompagnare i musicisti Andrea Candeli alla chitarra, Michele Serafini al flauto in scena anche due danzatori: Corrado Ponchioroli che con la sua voce e il suo corpo farà immergere il pubblico nei versi delle poesie di Federico Garcia Lorca e Chiara Guerra eseguirà degli emozionanti e travolgenti passi di flamenco. Il giorno dopo il 6 settembre, cambio di location e diversa atmosfera sonora per il recital di chitarra classica di Luigi Puddu, presso l’Oratorio di S. Pietro sempre alle 21.30. Le serate sono organizzate da “Panta Musica” in collaborazione con Comitato San Giovanni. Le serate sono ad ingresso gratuito 

riviera24 vassalo-sardo

Portiamo a termine il calendario degli eventi di fine stagione, afferma l’assessore Vassallo “come già indicato nel programma delle manifestazioni, presentato a giugno, con queste due serate, in collaborazione, con Panta Musica, ringrazio per questo Giovanni Sardo, che curerà la parte tecnica e artistica delle due serate,  fatte in sinergia anche con il Comitato San Giovanni, purtroppo non presente oggi in conferenza. Sono estremamente contento per quello che si sta realizzando per queste due serate; davvero il carico di lavoro che Giovanni Sardo sta avendo per realizzare questa manifestazione, curando la parte tecnica, con l’aiuto che il Comitato San Giovanni sta dando dal punto di vista logistico faranno in modo che la serata in Piazza San Giovanni sarà variopinta di musica e ballo, sarà una serata particolare con il pubblico in piedi e con grandi artisti sul palco. La serata del 5 sarà particolare perché sarà animata da ballo e musica con danzatori di flamenco mentre la serata del 6 si svolgerà nell’Oratorio di San Pietro dove non mancheranno sorprese, si tratterà di un programma musicale costituito appunto dall’associazione Panta Musica e da Giovanni Sardo. Tutte e due le serate, alle 21.30, saranno gratuite. Devo fare dei ringraziamenti in generale, continua l’assessore “per le altre serate, di eventi musicali, in cui Giovanni è stato sempre presente, ad esempio al Parco Urbano e anche in alcune attività private…la scuola Panta Musica si sta allargando e sta cercando di mettere le radici sempre più profonde nella nostra città. Credo che sia molto importante tutto questo, perché  sono delle realtà, sulle quali il comune conta, e lo dico e lo sottoscrivo, perché noi siamo riusciti a fare un calendario delle manifestazioni con pochi soldi ma dignitoso, con quel poco che abbiamo avuto e con l’impegno di tantissima gente, siamo riusciti a portare a casa un risultato molto più grande di tanti comuni che hanno avuto più soldi di noi, ed è una cosa che fa piacere, e non è solamente una mia soddisfazione personale, ma sia anche l’orgoglio e la soddisfazione di tantissime persone… io non avrei potuto realizzare e avere gli obiettivi che abbiamo raggiunto senza la collaborazione con delle persone come Giovanni Sardo e di tutte le associazioni che ci sono state dietro e che credono nella nostra città. Questo devo dire che è cosa che mi porto nel cuore, anche quando questo mio percorso sarà finito, tante persone me le porterò nel cuore, è stato un piacere collaborare con loro e comunque averceli come amici anche in futuro, e un’altra cosa a cui ci tengo è quella di aver creato e aver fatto crescere rapporti personali che siano alla base della vita” 

Quest’anno per non far saltare nuovamente l’appuntamento con i concerti delle Logge” afferma Giovanni Sardo, presidente di “Panta Musica” abbiamo messo in programma queste due serate. Già come l’anno scorso per i concerti delle Vele, proprio perché le Logge logisticamente sono molto complicate, in collaborazione con le Clarisse dell chiesa di Santa Chiara, e quest’anno abbiamo fatto questo “Aspettando le logge” con l’aiuto di tutti gli sponsor che ci hanno permesso di sostenere tutte le spese, per quanto riguarda la logistica diversa rispetto alle Logge di Santa Chiara, ed essendo svincolati da questa location, un appuntamento sarà in piazza San Giovanni, perché collegamento con il comitato San Giovanni e un’altra serata al Parasio. In Piazza San Giovanni ci sarà un appuntamento più informale, rispetto alla tradizione dei concerti classici che facciamo, perché sarà uno spettacolo di musica, danza e poesia da vivere in piedi, non ci saranno le sedie; quattro artisti che saranno sul palco, sul sagrato, che affronteranno il repertorio spagnolo da vari punti di vista, ci saranno le poesie di Federico Garcia Lorca… le canzoni falmenco o brani solo esclusivamente strumentali, questo perché ci sono tre musicisti e una ballerina dei tre musicisti la voce recitante è anche un ballerino e anche un percussionista e suonerà anche il cajon… l’appuntamento del giorno dopo all’oratorio di San Pietro, sarà un luogo più adatto, con un’acustica spettacolare, per ospitare il recital di chitarra di Luigi Puddu, fa parte di una famiglia di musicisti e insieme al fratello Giovanni hanno rivoluzionato la didattica in Italia portando il nome della musica italiana all’estero. Devo dire che la tradizione dell’attenzione per la tradizione della chitarra in città è un pochino anomala, rispetto alle altre città, molto più blasonate come Sanremo o Genova, dal punto di vista musicale, percentualmente non cìè questa attenzione nei confronti della chitarra come altri strumenti, posso fare l’esempio della fisarmonica che conosco da vicino, e sono considerate un po’ cenerentole nel panorama degli strumenti musicali, dove sicuramente il violino e il pianoforte la fanno da padroni, la chitarra come il sax o la fisarmonica sono strumenti che sono arrivati un po’ tardi nella tradizione classica italiana, e per questo nelle stagioni concertistiche raramente troverete un concerto di chitarra, o sono rassegne “chitarristiche” e hanno chiaramente un altro percorso, ma nella stagione classica non c’è; Imperia per varie ragioni di storia musicale, legate a personaggi che si sono dedicati a questo strumento, ha una particolare attenzione, non a caso abbiamo due eminenti chitarristi in città, e quindi abbiamo scelto di mettere un concerto di chitarra perché sappiamo che obiettivamente ha un grande seguito questo strumento… quindi devo ringraziare in primis il comune, perché senza il comune non si possono realizzare questo tipo di manifestazioni, e un ringraziamento anche agli sponsor che ci hanno permesso di arrivare in fondo alla manifestazione e senza la sinergia, come diceva prima l’assessore, è difficile realizzare le cose” 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.