Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, sulle condizioni del porto le riflessioni del consigliere Ramoino foto

"Le foto scattate stamani raccontano un'altra storia, molto diversa dai proclami annunciati in pompa magna sui media locali dagli amministratori"

Bordighera. “Se questo è un porto” è questo il titolo della dichiarazione che il consigliere del Gruppo Misto del comune di Bordighera fa sulle condizioni del porto “Il senso di una comunità non è fatto di proclami, né di celebrazioni, inaugurazioni e feste. È invece cura di tutto ciò che c’è o che accade sul proprio territorio. Si esprime nei comportamenti quotidiani, a partire dalla gestione del patrimonio comune: ad esempio il porto cittadino di Bordighera. Promesse ne sono state fatte molte da questa amministrazione durante gli ormai quattro anni e mezzo di mandato: dalla sistemazione e il relativo rimessaggio degli strumenti di lavoro dei pescatori, da un manufatto per esporre e vendere il pescato direttamente al porto, fino alla pulizia dei luoghi e la sicurezza delle imbarcazioni“.

Continua il consigliere “Le foto scattate stamani raccontano un’altra storia, molto diversa dai proclami annunciati in pompa magna sui media locali dagli amministratori. Cumuli di immondizia abbandonati contro i muri del porto, rottami di attrezzature, ormai fuori uso, accantonati nei piazzali, fino a tutta l’attrezzatura necessaria al lavoro quotidiano dei pescatori lungo le banchine, in una disordinata esposizione. Serve un’ordinaria pulizia, nessuna straordinaria dimostrazione di efficienza una tantum, servono locali per il rimessaggio ordinato, curato e salubre, degli strumenti in uso ai pescatori, serve dotare il porto di un efficiente sistema di pulizia quotidiana; insieme ad un sistema di sicurezza adeguato”

Ancora riflessioni del consigliere su questa vicenda “Tra i nostri valori c’è l’orgoglio e la dignità di una comunità, l’appartenenza a tradizioni profonde e uniche, che non possono vacillare per l’incuranza di chi provvisoriamente amministra il patrimonio comune, che avrebbe il dovere di curare”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.