Assolto dall’accusa di falso Raineri, storico presidente del Circolo Parasio

Era difeso dall'avvocato Nicola Ditta, smontata l'accusa sostenuta dalla procura

Imperia. “Sapevo di non aver commesso alcun reato. Finalmente giustizia è fatta”. Giacomo Raineri, storico presidente del Circolo Parasio ed ex assessore in Provincia assolto stamane al giudice Daniela Gamba in tribunale a Imperia. Era accusato di falso ideologico in atto pubblico per ottenere un pass che consentiva l’accesso alla Ztl del Parasio di Porto Maurizio. A difendere Raineri in questa vicenda è stato Nicola Ditta. La macchina era intestata alla moglie. Questa la la linea difensiva: “Si tratta di un bene di famiglia ove il distinguo mio-tuo non esiste (la moglie di Raineri non ha mai avuto la patente e la macchina l’ha sempre usata lui ndr). Se la certificazione l’avesse presentata la moglie dicendo che la macchina era sua avrebbe ricevuto lo stesso l’autorizzazione. L’aver dichiarato bianco in luogo che nero non avrebbe cambiato gli esiti della concessione del pass”. Ancora il legale: “Si tratta di un c.d. falso inutile che se in luogo della rigida applicazione della legge (ricordo che summum ius summa iniuria est) si fosse usato più buon senso si sarebbe evitato ad un uomo l’umiliazione di un processo e allo stato lo spreco di rilevanti risorse (i processi penali costano parecchio alla Repubblica in termini economici)”.