Quantcast

Arma di Taggia, sospese le ricerche del naufrago Mario Maffi: riprenderanno all’alba fotogallery

Nonostante le condizioni meteo marine avverse, due elicotteri hanno sorvolato l'area per quattro ore

Arma di Taggia. Sono state sospese al tramonto le ricerche di Mario Maffi, il pensionato 65enne che questa mattina ha lasciato il porto di Riva Ligure a bordo della sua imbarcazione a motore finita poi alla deriva a causa delle condizioni meteo-marine avverse e da quel momento dato per disperso.
Domani mattina, all’alba, riprenderanno le ricerche che hanno visto impegnate due motovedette della capitaneria di porto, la CP 864 di Sanremo e CP 2110 di Imperia, e la squadra del nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco di Genova, oltre a due mezzi aerei, l’elicottero della guardia costiera decollato da Sarzana e quello del 15esimo nucleo elicotteri dei carabinieri di Albenga, che nonostante il vento forza 5 hanno sorvolato incessantemente per quattro ore di volo lo specchio acqueo che da Riva Ligure raggiunge Arma.

Mario Maffi, originario di Genova ma residente da anni in provincia di Imperia, era uscito in mare questa mattina per andare a pescare. Membro dell’associazione “Amatori del mare”, il pensionato è molto conosciuto anche dai membri dell’associazione Cinghe Feughi.

A dare l’allarme e far scattare le ricerche, sono stati alcuni passanti che hanno notato una barca incagliata nella scogliera flangiflutti davanti alle coste di Arma di Taggia. All’interno del natante, spinto sugli scogli dalla forza del mare, non c’era nessuno.
L’ipotesi più probabile è che, a causa delle avverse condizioni meteo-marine, l’imbarcazione sia finita alla deriva ma, prima di raggiungere la costa, il pescatore sia caduto in mare.