Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccini, rinviato il voto su mozione M5S: “Maggioranza dribbla richiesta d’impugnazione”

"Non risolve alla fonte i problemi della legge Lorenzin”

Liguria. Dando prova di un cerchiobottismo da vecchia politica, la maggioranza si rifugia in corner e rinvia la votazione sulla mozione del MoVimento 5 Stelle con la quale impegnavamo la Regione Liguria ad impugnare dinnanzi alla Consulta la legge Lorenzin sui vaccini per chiari profili di incostituzionalità. La tattica è chiara: dribblare il tema ed evitare, così, di affrontarlo. La maggioranza sa bene che quest’ulteriore rinvio farà scadere i tempi necessari per impugnare la legge, rendendo vana, di fatto, la nostra mozione.

Come Ponzio Pilato, l’assessore Viale se ne lava le mani e sceglie di non difendere l’autonomia decisionale della Regione sulle competenze concorrenti quali la salute e l’istruzione, che avrebbero potuto risolvere alla radice i problemi prodotti da una legge pessima come quella Lorenzin. Non serviva la nostra sollecitazione per l’impugnazione: se veramente la Giunta aveva a cuore la nostra regione, avrebbe dovuto farlo in piena autonomia, già all’alba della pubblicazione della legge.

Pur riconoscendo all’assessore di aver gestito al meglio l’urgenza e i relativi aspetti burocratici, questa mancanza di coraggio farà si che i problemi si ripresenteranno identici ogni anno, al momento dell’iscrizione. Grazie al tentennamento di centrodestra e centrosinistra, anche il prossimo anno migliaia di famiglie liguri si ritroveranno a fare i conti con gli stessi disagi.

In questi mesi l’assessore Viale ha volteggiato con fin troppa scioltezza da una posizione al suo esatto opposto, gridando al “fascismo” a fine luglio di fronte alla fresca conversione in legge del decreto Lorenzin, ma sempre dichiarandosi contraria all’impugnazione. D’altra parte, è espressione di un partito, la Lega, che in Veneto alza le barricate con il governatore Zaia, mentre in Liguria si ritrova a fare da stampella al Pd e al governo. Evidentemente preferiscono mantenere una legge sbagliata piuttosto che cambiarla” – affermano Gabriele Pisani e Andrea Melis, consiglieri regionali MoVimento 5.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.