Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, la salma di Sergio Di Giuliantonio in obitorio a disposizione della magistratura fotogallery

Una delle ultime giornate di mare con la famiglia prima di tornare al lavoro: è morto così il titolare della ditta Serramenti Tecnometal

Ventimiglia. Gli ultimi giorni di ferie, a godersi il mare insieme alla famiglia: è morto così Sergio Di Giuliantonio, 56 anni, in una giornata di svago prima di tornare al lavoro. Titolare della ditta Serramenti Tecnometal al civico 10 di via Roma, nel centro di Dolceacqua, Di Giuliantuono viveva nel Comune di San Biagio della Cima, insieme alla moglie e ai due figli.
E con loro, ieri, aveva deciso di affittare un motoscafo lungo 6 metri e con 40 cavalli di cilindrata, uno di quelli che si possono condurre anche senza aver conseguito la patente nautica. A bordo del natante c’erano i due figli e un cugino, anch’egli residente a San Biagio. Dietro di loro, sull’acqua-scooter del figlio maggiore, Andrea (20 anni) c’era Sergio.

Dal litorale di Ventimiglia, nei pressi della sede dell’associazione sportiva di pesca “La Scogliera”, hanno visto le acrobazie di quella moto d’acqua che inseguiva le onde sulla scia del motoscafo governato, stando ad una prima ricostruzione, dal figlio ventenne. Poi il dramma: Sergio supera il motoscafo, gira alla sua sinistra e poi perde il controllo dell’acqua-scooter che si impenna, facendolo cadere in acqua. E’ un attimo: il 56enne finisce sotto al motoscafo. L’elica del natante lo colpisce in testa e agli arti inferiori, lasciandolo esanime.

Da riva si accorgono della tragedia, che si è consumata a circa 500 metri di distanza. A bordo di un piccolo gommone, un diportista si lancia in mare e raggiunge il ferito: lo carica sul tender con l’aiuto di un secondo uomo che aveva assisto alla scena e lo riporta a terra. Nel frattempo sul posto è arrivato il personale medico del 118 insieme ad un’ambulanza della Croce Rossa di Ventimiglia. Tentano di stabilizzare il 56enne e lo caricano sull’ambulanza, dove morirà poco dopo: ogni tentativo di rianimazione si è rivelato inutile.

Insieme alla macchina dei soccorsi si muove anche quella delle indagini, necessarie in un incidente costato la vita ad un uomo. A condurle sono gli uomini della capitaneria di porto, presente con una pattuglia della Guardia Costiera dell’ufficio locale marittimo di Ventimiglia, rafforzata poi da una seconda pattuglia mandata dall’ufficio circondariale marittimo di Sanremo, al comando del tenente di vascello Vincenzo Fronte. Sul posto sopraggiungono anche polizia e carabinieri.

La salma dell’uomo è stata trasferita ieri all’obitorio dell’ospedale Borea di Sanremo, dove resta a disposizione della magistratura in attesa che venga stabilito se effettuare o meno l’autopsia sul corpo del 56enne. Al termine degli accertamenti, la salma verrà restituita alla famiglia che potrà dire addio a Sergio Di Giuliantonio insieme ai tanti amici che in queste ultime ore hanno lasciato messaggi di cordoglio per la tragica scomparsa dell’uomo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.