Quantcast
L'esplosione

Ventimiglia, fatta brillare in cava la granata trovata da un bagnante alle Calandre

Si tratta di una granata da 100 millimetri con tritolo fuso al suo interno

Ventimiglia. Una granata d’artiglieria dal calibro di 100 millimetri parzialmente esplosa e con all’interno ancora tritolo fuso risalente alla seconda guerra mondiale è stata trovata oggi pomeriggio intorno alle 14,30 da un bagnante francese alle Calandre.
Sul posto è accorsa una pattuglia del locale commissariato di polizia, che ha presidiato l’area fino all’arrivo degli artificieri del 32esimo reggimento genio guastatori di Fossano.

Sono stati gli artificieri, una volta raggiunta l’area, ad identificare l’ordigno: vista la presenza di tritolo al suo interno, i militari hanno deciso di far brillare il residuato bellico applicando una micro-carica all’estremità della granata. L’esplosione è avvenuta alla cava “bergamasca” di Bevera.

leggi anche
"Viaggiando in Riviera: disegni e racconti di Frontiera", la mostra al casinòetati
Zona presidiata
Ventimiglia, trovato un residuato bellico sulla spiaggia delle Calandre
commenta