Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, revocati gli arresti domiciliari: Davide Ventre torna libero foto

Decade l'accusa di omicidio colposo dell'uomo difeso dall'avvocato Luigi Patrone

Sanremo. Sono stati revocati oggi gli arresti domiciliari a Davide Ventre, il pluripregiudicato che il 29 dicembre 2016 aveva trasformato il cuore di Sanremo nel far west. Il giudice Massimiliano Botti ha chiuso le indagini preliminari con esclusione dell’accusa di tentato omicidio alla luce delle discordanti testimonianze e delle risultanze della perizia tecnico balistica.

I fatti. Intorno alle 14,00 del 29 dicembre scorso, all’altezza del rondò Volta Davide Ventre aveva esploso due colpi di pistola contro la Fiat Panda sulla quale viaggiavano due braccianti agricoli di origine tunisina, incensurati, che da anni vivono e lavorano nella “città dei fiori”. Un proiettile si era conficcato nella portiera destra della vettura, mentre l’altro, dal vetro aperto del finestrino, aveva raggiunto uno dei due tunisini, ferendolo ad un dito. Il tutto era successo al culmine di una discussione accesa tra i tre.

Durante le indagini della polizia, coordinate dal pm Francesca Sussarellu, era emerso che alla base della sparatoria ci sarebbe la compravendita di una casa. Resta ancora da chiarire la posizione di Ventre nella vicenda, ovvero il motivo per cui l’uomo, sia intervenuto nella compravendita dell’immobile, che non è di sua proprietà, attualmente occupato dai due stranieri e quale ruolo abbia nell’affare immobiliare. Secondo quanto ricostruito fino ad ora dalle indagini della polizia i due tunisini occuperebbero da circa un anno un appartamento sulle colline di Sanremo e non avrebbero nessuna intenzione di trasferirsi nonostante questo sia in vendita. I due braccianti agricoli, inoltre, sarebbero indietro con alcune rate dell’affitto. Il prezzo dell’immobile potrebbe variare molto, abbassandosi rispetto al reale valore di mercato, se la trattativa venisse conclusa con ancora gli inquilini, pure morosi, all’interno. Davide Ventre è difeso dall’avvocato Luigi Patrone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.