Quantcast
Gavettoni a Ferragosto, i Comuni della Riviera divisi fra divieti e tolleranza - Riviera24
Sì o no?

Gavettoni a Ferragosto, i Comuni della Riviera divisi fra divieti e tolleranza

Bombe e secchiate d’acqua al bando a Bordighera e Sanremo, a Ventimiglia meno severi

gavettoni

Imperia. Nella tradizione cattolica il 15 agosto si celebra l’Assunzione di Maria Vergine e, come tutti i giorni di festa, l’usanza popolare italiana ha trasformato la ricorrenza in un’occasione per trascorrere qualche ora all’insegna del divertimento. Ecco così che le città si svuotano e il grande esodo verso località montane e soprattutto costiere ha inizio. A Ferragosto la gita fuori porta è quasi un obbligo, come del resto i gavettoni: in spiaggia o ovunque, si vada nel giorno “più bollente” dell’anno c’è sempre l’insidia delle bombe o delle secchiate d’acqua lanciate a sorpresa da qualche ragazzino. Uno scherzo che alcuni fanno risalire al nonnismo delle caserme, quando gli alti gradi militari rovesciavano l’acqua contenuta nella gavetta ai commilitoni, e che in alcune città è vietato con tanto di ordinanze o commi ad hoc nel regolamento municipale.

In Riviera, ad esempio, è Bordighera uno dei Comuni più severi in materia. “L’uso – spiega il comandante Attilio Satta – è addirittura disciplinato dal Regolamento di polizia urbana al comma 1.r dell’articolo 5 , il quale vieta le battaglie d’acqua. Una norma comunque preventiva in quanto in città non è diffusa l’abitudine del gavettone libero”. Lo stesso vale per Imperia. Lo conferma il comandante della locale municipale Aldo Bergaminelli: “Nel capoluogo i gavettoni non costituiscono un grande problema, casi particolari e degni di segnalazione non credo c’è ne siano mai stati”.

E del resto nel Regolamento di polizia urbana non figura alcuna voce specifica sulle sleali bombe d’acqua ma solo allusioni al divieto di utilizzare e disperdere acqua pubblica, un obbligo più che mai necessario in questo lungo periodo di siccità: “E’ vietato arrecare danno alle peschiere, ai lavatori, alle fontanelle pubbliche e disperdere o dar causa che si dispersa senza necessità l’acqua delle fontanelle. Nessuno può estrarre o usare dell’acqua delle fontanelle pubbliche tranne che per gli usi domestici ed è vietato porre sotto i rubinetti botti o altri recipienti di grossa portata o applicarvi manichette per la presa d’acqua. E’ vietato altresì attingere acqua per usi domestici e privati dalle vasche pubbliche, smuovere, guastare e asportare chiusini delle chiaviche e degli acquedotti, danneggiare i relativi impianti, inquinare e insudiciare l’acqua delle fontane e vasche pubbliche” (articolo 52).

Sul tema dei gavettoni è poco tollerante anche Claudio Frattarola, comandante della municipale di Sanremo, che afferma: “Come si evince dall’articolo 7, comma 1.t del nostro Regolamento, i gavettoni sono vietati, in quanto, se fatti al di fuori di contesti particolari, quali, ad esempio, gli stabilimenti balneari o manifestazioni che ne prevedono l’uso, possono arrecare disturbo o danno a terzi. La violazione è soggetta a una sanzione pecuniaria amministrativa che varia dai 25 ai 150 euro. Se è un minore che viene trovato in atto di lanciare palloni o secchi d’acqua in aree pubbliche, ne rispondo naturalmente i genitori. Noi non ci siamo mai tirati indietro dall’intervenire, e sia a Ferragosto – anche se non ricordo casi eclatanti – sia in altri periodi dell’anno, quali la fine della scuola, nel mese di giugno, quando i ragazzi sono soliti festeggiare e ‘salutarsi’ facendosi i gavettoni”.

Più comprensivo invece il comandante della polizia locale di Ventimiglia, Giorgio Marenco, che interrogato sulla questione risponde: “Ad oggi non dovrebbero essere emesse ordinanze specifiche per Ferragosto e i gavettoni. Non si tratta di un punto di attenzione di rilievo per la città, ci sono altre questioni più urgenti. Ovviamente il controllo della pratica rientra nell’ordinario servizio di sicurezza cittadino e dunque anche il lancio improprio di palloni o secchi colmi d’acqua sarà sottoposto alla nostra vigilanza ma con un margine di comprensibile tolleranza. Ritengo che in calde giornate come quelle di questi giorni i gavettoni fra ragazzi sulla spiaggia siano naturali e spontanei. Perché impedire o punire un divertimento innocente, per altro espressione dell’allegria estiva? Certo, il discorso è differente quando questo ‘gioco’ arreca danno o fastidio, ma credo che le sue regole derivino da quell’educazione sociale, da quelle norme di buon senso insite in ciascuno di noi”.

leggi anche
turisti in spiaggia imperia agosto 2015
Il vademecum
Niente tuffi, racchettoni e costume a tavola: cosa non fare sulle spiagge della Riviera e le disposizioni della Capitaneria
Bon ton in spiaggia
Il vademecum
Dalla suoneria del cellulare al trucco effetto Moira Orfei, le regole del bon ton sulle spiagge della Riviera
commenta