Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Concorsi truccati a Rivieracqua, arrestati il direttore Gabriele Saldo e Federico Fontana foto

La guardia di finanza ha raccolto "gravi indizi di colpevolezza"; ai domiciliari anche il presidente della commissione d'esame

Imperia. Arrestato Gabriele Saldo, il direttore generale di Rivieracqua ed ex consigliere regionale. E’ il colpo di scena dopo la clamorosa inchiesta sui concorsi truccati nella Scpa, la società a capitale interamente pubblico costituita allo scopo di gestire il Servizio Idrico della Provincia di Imperia.  Con lui arrestato anche il presidente della commissione d’esame Federico Fontana. Entrambi sono finiti agli arresti domiciliari. A Saldo e Fontana  vengono contestati i reati di rivelazione di segreto d’ufficio, per aver divulgato anticipatamente le domande delle prove d’esame, e di truffa ai danni dell’ente pubblico, per aver creato un nocumento alla Pubblica Amministrazione in quanto le graduatorie finali erano “viziate” dalle condotte illecite poste in essere.

gabriele saldo

I militari del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza hanno notificato due ordinanze applicative di misure di custodia cautelare domiciliare emessi dal Tribunale di Imperia. Già dal mese di marzo le fiamme gialle avevano iniziato ad indagare circa presunte “anticipazioni” che erano state fatte trapelare dalle Commissioni esaminatrici circa gli argomenti oggetto delle prove di esame per i concorsi pubblici banditi da Rivieracqua. Dall’analisi della copiosa documentazione cartacea ed informatica acquisita nel corso delle perquisizioni effettuate nel decorso mese di luglio dalle Fiamme Gialle Imperiesi, è emerso un quadro probatorio connotato da gravi indizi di colpevolezza che ha consentito alla magistratura di Imperia di effettuare proprie valutazioni in ordine agli elementi probatori individuati in questi mesi di indagine.

In particolare è stato possibile accertare, anche attraverso numerosi pedinamenti, riscontri visivi e riprese fotografiche che il presidente della commissione esaminatrice aveva fornito al direttore generale di Rivieracqua  le domande d’esame, successivamente consegnate ad un candidato, risultato poi vincitore di uno dei concorsi. Ed è per questo che il Tribunale ha ritenuto che le circostanze disvelate erano tali da portare all’emissione del provvedimento degli arresti domiciliari per due dei numerosi indagati del procedimento.

Le attività di indagine proseguono al fine di valutare la posizione di ulteriori candidati che sono risultati essere stati collocati in graduatoria in posizione utile per essere assunti e che mantenevano assidui contatti con i vertici della Società in esame.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.