Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, mostra personale di Giustino Caposciutti ai Giardini Monet foto

Dal 24 agosto al 4 settembre dalle ore 17.00 alle 22.00

Bordighera. Giustino Caposciutti è attivo nel mondo dell’arte da oltre 50 anni sia come artista, educatore artistico, promotore di movimenti e di eventi tutti all’insegna della partecipazione, relazione ed interazione fra le persone, i materiali, le forze naturali ed artificiali.

Negli ultimi 15 anni ha soggiornato per lunghi periodi a Bordighera ed ha qui realizzato una trentina di dipinti di grandi dimensioni con una delle tecniche che lo contraddistingue: acrilico fluorescente su stoffe de-tessute. Le tele alleggerite dalla sottrazione di parte degli orditi e delle trame presentano al loro interno vuoti e trasparenze così da inglobare il paesaggio circostante ed anche, liberate da qualsiasi costrizione, senza telaio, interagiscono con l’ambiente e sono libere di muoversi veleggiando secondo la direzione e l’intensità del vento.

Questa interattività ne modifica continuamente la percezione delle forme e dei colori e si assiste così a dei fenomeni ottico/spaziali in continuo divenire che catturano ed affascinano la visione. Fra gli ulivi e le palme, stese come dei panni dopo il bucato, queste opere si propongono come un inno ai colori, alla natura, alla leggerezza, al movimento, alla libertà, alla gioia… In mostra anche alcune opere di fiber art, di arte partecipata di cui Caposciutti è ritenuto il fondatore e della sua più recente produzione, la BioSìArt. Sono opere queste che hanno la proprietà di interagire con le onde elettromagnetiche in modo da creare ambienti più salutari e quindi più favorevoli alla vita. In mostra anche i costumi realizzati in tela bandera nel 2008 in occasione della prima performance d’arte partecipata TESSERECHIERI (Chieri – Torino) ed utilizzati in tutte le performance similari successive.

Curriculum dell’artista/educatore
Nato a Civitella della Chiana (Arezzo) nel 1946. Diploma in pittura e incisione presso Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino. Espone dal 1969. Ha fondato diversi movimenti d’arte contemporanea di grande successo:

1-Arte Plurale
Fondata a Torino insieme a Tea Taramino nel 1993 nasce e si sviluppa in contesti socio-educativi a livello internazionale. Nel 2013 è giunta alla 13^ edizione con la partecipazione di migliaia di artisti da tutto il mondo.

2-Arte Partecipata
L’Arte partecipata (o partecipativa) usa un approccio al fare arte che coinvolge direttamente il pubblico nel processo creativo, autorizzandolo a divenire co-autore, editor e osservatore dell’opera medesima (da Wikipedia)

a)- FiloArX
A Torino il 24 settembre 1993 in occasione dell’inaugurazione della Galleria Arx Caposciutti realizza FiloArX considerato il primo evento d’Arte Partecipata al mondo.
In seguito realizzerà un centinaio di eventi FiloArX con la partecipazione diretta di oltre 26.000 persone.
Il coinvolgimento del pubblico è stata ripreso poi da numerosi artisti al punto da considerare l’Arte Partecipata come uno dei principali movimenti degli ultimi decenni.

b)-Tessere…
Come evoluzione di FiloArX nel 2007 ha ideato l’evento d’Arte Partecipata “Tessere….” ove il clou consiste nel “tessere” in uno spettacolo di piazza con un Telaio Vivente in costume un’enorme opera mosaico realizzata da 100 persone.

A coronamento di oltre 40 anni di impegno di artista/educatore nel 2012 realizza a Torino TessereXilRiscatto ove un artista è stato “tessuto” dentro un’opera realizzata da 100 artisti disabili in uno spettacolo pubblico in costume e con il Telaio Vivente. L’evento rappresenta il rovesciamento, il riscatto appunto di quanto fatto nel 1972 alla Biennale di Venezia quando un artista G.De Dominicis espose una persona down, seduta per ore quale oggetto della sua opera.
Dal 2008 sono stati realizzati 23 eventi/spettacolo Tessere… in diverse città (Chieri, Torino, Roma, Poggio Mirteto-Rieti, Moncalieri, Mazara del Vallo, Arezzo, Cortona, Reggio Emilia, Cambiano) con la partecipazione diretta di oltre 2000 persone.

3 – BioSìArt
La BioSìArt viene fondata da Giustino Caposciutti nel 2006 insieme a Giovanni Ghiraldotti dopo una collaborazione di almeno 3 decenni nel campo delle terapie alternative applicate in particolare all’inquinamento elettromagnetico. Infatti, la BioSìArt, l’Arte che risana…l’Arte così come viene definita propone opere che oltre al risultato estetico hanno, grazie ad una serie di materiali ed accorgimenti tecnici, la proprietà di modificare il percorso delle onde elettromagnetiche inquinanti contribuendo così a realizzare un miglioramento degli ambienti ove viviamo.

Arte Plurale e l’Arte Partecipata di Caposciutti sono stati oggetto di numerosi studi, articoli, programmi TV, copertine di riviste d’arte e tutte le copertine e la linea grafica di 5 numeri della rivista Il Filo di Arianna. Nel 2004 sono stati oggetto della tesi di laurea di Simona Mattia presso l’Università di Torino facoltà delle Scienze della formazione dal titolo: “FiloArX- Arte come strumento di azione sociale” e,sono stati anche analizzati e descritti nei seguenti libri d’arte:

– L’Arte dei margini di Mangiapane, Pecci, Porcellana-Franco Angeli editore – 2013
– Anninovanta – di Roberto Brunelli –Gli Ori editore – 2014

Come artista individuale Caposciutti ha allestito oltre 30 personali a Torino, Ferrara, Mantova, Arezzo, Vercelli, Livorno, Liegi (Belgio) ed in altre città.

Fra le centinaia di collettive si ricordano quella con cui esordisce nel 1969 al Palazzo della Regione Valle d’Aosta e negli ultimi decenni le mostre a Santa Monica (USA), a Saragozza (Spagna), Zug (Svizzera), Chisinau (Moldavia), Monaco (Germania), alla Galleria Du Comtè di Nizza, al Trevi Flash Art Museum (PG), alla Metropolitan Foundation, Teatro delle Erbe e Spazio Krizia di Milano, al Premio Suzzara (MN), Casa dei Carraresi, Villa Letizia e Museo di Santa Caterina di Treviso, Villa Pisani di Stra (VE), al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia, Museo di Textile Art di San Gallo (Svizzera), al MAGI (Museo d’Arte delle Generazioni Italiane) a Pieve di Cento (BO), al PAV (Parco d’Arte Vivente) di Torino, a Villa Giulia di Verbania, a Palazzo Lomellini di Carmagnola, a Palazzo Opesso ed all’Imbiancheria del Vajro di Chieri, alla Biblioteca di Moncalieri, all’Ecomuseo del Frediano e alla Casa Giardiniera di Settimo Torinese. Ha preso parte a 5 edizioni di Artissima di Torino anche con mostre personali, alla Fiera d’Arte di Pordenone, a tutte le 4 edizioni della Biennale di Fiber Art di Chieri e a tutte le 13 edizioni di Arte Plurale sia come organizzatore, artista e banditore d’asta.

Nel 2014 partecipa ad una serie di mostre in Russia in musei e spazi pubblici nelle seguenti città:
Ufa, Oktjabrsk, Birsk, Salavat, Sterlitamak , San Pietroburgo. Nel 2015 espone in Australia nelle seguenti occasioni: Pako Festa di Geelong, Deakin University, Melbourne, Ballarat, Colac (Surf Coast Culture Museum). Nel 2016 mostre personali di arte partecipata alla galleria Villicana di Arezzo e presso il Palazzo Barolo di Torino. Un omaggio questo della l Città di Torino al suo lavoro di 50 anni di artista/educatore a favore dell’arte delle persone con disabilità psichica. Nel 2017 mostra personale presso la Galleria Arteregina di Torino ed espone alla galleria Saphir di Parigi insieme ad importanti artisti internazionali come Klee, Leger, Boetti, Vedova.

Le sue opere fanno parte di numerose collezioni private e pubbliche fra le quali: Comuni di Torino, Chieri, Piscina, Bardonecchia, Airasca, Pinerolo, Moncalieri, Poggio Mirteto, Mazara del Vallo, Epinal (Francia), Museo dell’Informazione di Senigallia, Museo MAGA Gallarate, GAM Torino, Museo Valdese Torre Pellice, Museo MAGI Pieve di Cento, VSSP-Centro Servizi Volontariato Torino, Le Venezie Treviso.

Hanno scritto e/o presentato il suo lavoro: Paola Masetta, Gianni Milani, Mario Contini, Giovanni Cordero, Francesco Lodola, Paolo Levi, Antonio Miredi, Laura Bondi, Danielle Villicana, Igino Materazzi, Sonia Fardelli, Dino Pasquali, Liletta Fornasari, Antonio Caggiano, Giorgio Di Genova, Angelo Mistrangelo, Martina Corgnati, Giannina Scorza, Vittoria Castagneto, Anna Maria Cebrelli, Carlo Accossato, Antonio Oberti, Marcello Salvati, Enzo Papa, Marco Scolesi, Laura Goria, Mauro Villone, Rosanna Campra, Adriano Nebiolo, Silvana Nota, Giuseppe Misuraca, Gigi Mossotti, Tea Taramino, Daniela Bonino, Alberto Negro, Letizia Gariglio, Giovanni Nocentini, Dario Salani, Giuseppe Biasutti, Dada Rosso, Luigina Bortolatto…Servizi e presentazioni tv: Elena Del Santo, Mariangela Toja, Angelo Mistrangelo, Alex Revelli, Clara Vercelli, Roberta Filippi, Gabriele Arlati, Caloi, Alessandro Gea, Alessandro Antonacci, Massimo Broli, Alessandra Bardeschi.

Cataloghi:
1993 – Opere 1983-1993 a cura di Donat Conenna
2004- Un filo nello spazio a cura di Angelo Mistrangelo
2012- Fra tela e muro a cura di Danielle Villicana D’Annibale
2013- Roba da chiodi a cura di Igino Materazzi e Giovanni Nocentini

Video:
1996 – Trame di luce – a cura di Willy Darko
2004 – Un filo nello spazio – a cura di Willy Darko
2008- TessereChieri – a cura di Matteo Maso
2010- Tessere…Fantasia – Moncalieri
2012- TessereXEssere (ilRiscatto) a cura di GianLuca Lo Medico
2014- LiberiAmo la Pace a cura di Nick Cinelli

E’ rappresentato da:
Galleria Arteregina-Torino
Archivio Michelangelo – Torino

Per approfondimenti si prega di collegarsi ai seguenti link:
http://www.laurabondi.com/la-biosiart-di-giustino-caposciutti/
https://www.ilfont.it/arte-terapia/arte-e-salute-star-bene-con-un-quadro-75503/
https://www.youtube.com/watch?v=XPL3B15e-MA&t=1277s
https://www.youtube.com/watch?v=aIxxOXChvWQ&t=2s

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.