Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Taggia, “Appunti sonori” il Midnight Saxophone Quartet apre il primo concerto della rassegna

Il programma prevede concerti uniti ad ambientazioni teatrali in costumi d'epoca e cene nei ristoranti convenzionati

Taggia. Martedì 11 luglio 2017 parte la VII stagione del festival internazionale Appunti Sonori. Il festival già dalle prime battute di apertura sorprende per il successo di pubblico e la qualità musicale messa in campo dall’organizzazione. L’iniziativa ideata dal centro culturale tabiese, sotto la direzione del maestro Giorgio Revelli, è sempre più un esempio di come la collaborazione tra più realtà territoriali può essere efficace.
In particolare spicca in questi eventi l’indispensabile appoggio sia dell’associazione spiagge armesi che quello dei rioni di Taggia.

L’evento è unico nel suo genere, perché offre al pubblico locale ed ai turisti concerti uniti ad ambientazioni teatrali in costumi d’epoca e cene nei ristoranti convenzionati nel centro storico di Taggia: menù da 15€ e 18€ per chi partecipa ai concerti.

Da quest’anno la formula si applica anche in spiaggia, grazie alla collaborazione di alcuni stabilimenti balneari di Arma di Taggia, in particolare quest’anno al lido Idelmery ed lo stabilimento Germana.

Gli artisti della prima serata saranno Stefano Boverio (sax soprano), Gaetano Pappalardo (sax contralto), Paolo D’Aloisio (sax tenore) e Jacopo Morini (sax baritono).

Il quartetto Midnight Saxophone Quartet, formato da quattro strumentisti con esperienze in Italia e all’estero, è nato a Pavia nel 2008 e si è fatto apprezzare in occasioni come il festival Fiati di Novara, il festival dei Saperi e la Giornata Europea della Musica di Pavia e non solo. Il repertorio spazia dalla letteratura per sax (con pagine di Glasunow, Piernè e Singelèe), alle trascrizioni di opere non originariamente composte per questo strumento (Bach, Barber, Mozart), fino alla musica del XX secolo, con pagine di Gershwin, Iturralde, Weill e Piazzolla.

Frontman del gruppo, è Stefano Boverio, diplomato con il massimo dei voti al Vittadini, dove si è formato sul repertorio classico, per poi approfondire gli studi del repertorio contemporaneo all’Università della musica di Tokyo. Dopo aver insegnato in Giappone, Boverio è tornato a Pavia e oggi è docente al Vittadini. Come esecutore, ha vinto il primo premio al Concorso Musicale Internazionale “Paul Harris” di Milano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.