Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piave di Teco, “Strategia Nazionale per le Aree Interne” al centro dell’incontro tra Anci e Comuni della valle Arroscia

I Comuni dell’alta Valle Arroscia avranno quindi la possibilità di accedere a finanziamenti per un totale di circa 7 milioni di euro

Piave di Teco. Si svolgerà un incontro pubblico per presentare l’area interna dell’alta valle arroscia il prossimo mercoledì 12 luglio, organizzato da Anci Liguria in collaborazione con Regione Liguria, nella sala di rappresentanza del Comune a partire dalle ore 21:00.

Ad essere coinvolti sono gli 11 Comuni dell’imperiese, che fanno parte dell’Unione dei Comuni Alta Valle Arroscia: Armo, Aquila d’Arroscia, Borghetto d’Arroscia, Cosio d’Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Ranzo, Rezzo e Vessalico.

Dopo il saluto del sindaco di Pieve di Teco, Alessandro Alessandri, e l’intervento di Edoardo Rixi, assessore allo sviluppo economico della Regione Liguria, Elice Bacci, funzionaria della Regione Liguria, spiegherà cos’è la “Strategia Nazionale per le Aree Interne”; Pierluigi Vinai, direttore generale di ANCI Liguria, illustrerà la situazione e le specificità dell’area interna alta Valle Arroscia; Piero Pelassa, sindaco di Mendatica e referente per l’Area Interna Alta Valle Arroscia presenterà infine la bozza di strategia e gli sviluppi futuri dell’Area.

Attraverso una progettazione congiunta con tutti i soggetti rilevanti del territorio, i Comuni dell’alta Valle Arroscia avranno quindi la possibilità di accedere a finanziamenti per un totale di circa 7 milioni di euro, tra fondi statali ed europei (Fesr, Fse e Psr). A tutti gli attori locali coinvolti saranno inoltre dedicate, mercoledì 19 e giovedì 20 luglio, due giornate di approfondimento sui temi di interesse della Strategia Nazionale Aree Interne: mobilità, istruzione, sviluppo locale e sanità.

L’Area Interna Alta Valle Arroscia è la terza riconosciuta in Liguria, dopo quella Antola – Tigullio (Bargagli, Borzonasca, Davagna, Fascia, Gorreto, Lumarzo, Mezzanego, Montebruno, Ne, Propata, Rezzoaglio, Rondanina, Rovegno, Santo Stefano d’Aveto, Torriglia, Fontanigorda) e Beigua – Sol (Masone, Campoligure, Tiglieto, Rossiglione, Sassello, Stella, Urbe e Mele).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.