Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Operation Chromite” sbarca al cinema, il film sulla guerra in Corea in sala a Sanremo

Diretto da John H. Lee, con Lee Jung-Jae, Lee Bum-soo, Jin Se-yeon e Liam Neeson sarà al Roof

Più informazioni su

Sanremo. Fra i principali esponenti della cinematografia sud-coreana, John H. LEE torna al cinema con la regia di Operation Chromite, interpretato da Lee Jung-jae, Lee Bum-soo, Jin Se-yeon e da Liam Neeson. Un’esclusiva per l’Italia di Minerva Pictures, il film è da oggi 20 luglio nelle sale, distribuito da Altre Storie.

riviera24 - Operation Chromite

Operation Chromite è ispirato alla vera storia degli uomini che diedero vita alla missione segreta per liberare la Corea del Sud dall’occupazione delle truppe nordiste, episodio storico ancora oggi poco conosciuto.

La guerra, scoppiata nel 1950 a causa dell’invasione della Corea del Sud da parte dell’esercito nordcoreano, determinò una rapida risposta delle truppe ONU. Il Generale MacArthur aveva un unico modo per cambiare le sorti della guerra: pianificare lo sbarco nella città portuale di Incheon. L’operazione, che aveva il nome in codice di “Operation Chromite” era molto rischiosa e aveva pochissime possibilità di successo, ma il Generale riuscì ad ottenere il via libera alla missione.

Lee porta sul grande schermo la storia mai raccontata della battaglia storica di Incheon, mantenendo alta la tensione e catturando tutta la drammaticità dello sbarco a Incheon che, insieme a quello in Normandia, viene considerato una delle più grandi operazioni della storia.

Liam Neeson ha lavorato instancabilmente per trasformarsi nel carismatico e solenne Generale Douglas MacArthur. “Mi interessa il tema del film e in particolare sono stato catturato dal carattere di Mac Arthur. Era un incredibile soldato e un leader nato. Amava i coreani e combatté per la loro libertà. Sono completamente stregato del suo personaggio. Interpretarlo è stata una bella esperienza” ha dichiarato Neeson, parlando del suo ruolo.

“Operation Chromite è un avvincente film di guerra, ma anche un film sull’umanità – ha dichiarato il regista – una storia sul sacrificio ultimo per una degna causa. Abbiamo riversato la nostra passione durante le riprese con un senso del dovere. Credo che saranno 2 ore molto significative per il pubblico”.

Il regista John H. Lee ha sempre considerato Operation Chromite non solo un film di guerra: ” è anche un film sull’umanità. Innumerevoli vite furono sacrificate per rendere l’operazione un successo. È stata una sfida significativa raccontare le loro storie”.

Sinosso
La missione segreta che cambiò le sorti della guerra, questa è la storia mai raccontata di eroi sconosciuti
25 giugno 1950, la Corea del Nord invade la Corea del Sud con l’aiuto della Cina e della Russia. La capitale della Corea del Sud, Seul, cade in 3 giorni, e il resto del paese sopra il fiume Nakdong, in un mese. Il Generale MacArthur, a capo del Commando Supremo delle Nazioni Unite, pianifica un’operazione di atterraggio nella città portuale di Incheon. L’operazione ha il nome in codice di “Operation Chromite”, e una probabilità di successo di 5000:1. In ogni caso, assicurarsi Incheon è l’unico modo per cambiare le sorti della guerra.

Sotto gli ordini di MacArthur, l’unità segreta speciale chiamata “X-RAY” riesce a infiltrarsi nella città di Incheon, occupata dai nordcoreani e si appresta ad aprire la strada per l’operazione delle forze ONU. Il Capitano Jang Hak-soo e 7 membri dell’unità si camuffano come unità di ispezione nordcoreana e cominciano a collezionare informazioni vitali. Ma quando la loro copertura salta a causa dell’unità di Difesa di Incheon capitanata da Lim Gye-jin, rimane soltanto un’ultima possibilità per condurre le forze delle Nazioni Unite sulle sponde di Incheon.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.