Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In Riviera spuntano i “wwoofers”, le vacanze si fanno lavorando nelle aziende agricole foto

La rete è costituita da persone (host) che svolgono un’attività agricola e i volontari

Più informazioni su

Imperia. C’è l’ingegnere che munge le mucche e il commercialista che tosa le pecore, ma anche il disoccupato che sistema i muretti a secco. È il popolo di chi in vacanza va a lavorare e paga l’ospitalità (letto e pasti) col proprio sudore. Una tendenza che nel mondo sta crescendo grazie al “WWOOF”, il World Wide Opportunities on Organic Farms, ovvero opportunità globali nelle fattorie biologiche. Un nuovo modello di vita per immergersi nello di una famiglia, di una comunità, per la
voglia di condividere e conoscere”.

La rete è costituita da persone (host) che svolgono un’attività agricola e i volontari (wwoofers) che alloggiano presso le aziende – solitamente almeno 15 giorni – partecipando ai lavori agricoli. Un vero e proprio scambio nel segno della reciprocità gratuita: una sorta di baratto di servizi. Da pagare solo la quota associativa aWwoof (35 euro).

E il sistema funziona anche nella Riviera dei Fiori. Un esempio? Nella frazione di Bellissimi, a circa 12 km. dal mare, c’è un’azienda specializzata nella coltivazione dell’olivo con 3 ettari a disposizione. “Oltre l’orto e le piante da frutta – spiegano – abbiamo alcune capre e pecore, nonché un apiario di circa 10 famiglie. Siamo appassionati di botanica, con conoscenze erboristiche e di etnobotanica. Attenti alla cultura e tradizioni del luogo, da sempre ci adoperiamo per la loro salvaguardia e conoscenza. Siamo altresì impegnati per la salvaguardia del territorio, prestando servizio presso la squadra antincendio boschivo del nostro comune e in varie associazioni di volontariato. Abbiamo aderito a questa associazione per condividere con altre persone, soprattutto giovani, le nostre conoscenze ed il nostro amore per la natura ed il lavoro della campagna”.

Di che cosa avete bisogno? “Un supporto nei lavori agricoli. La cucina non contempla carne e derivati., ma è basata su cereali, legumi ed i prodotti del nostro orto. Per il nostro consumo e quello degli amici raccogliamo erbe officinali, mangerecce e funghi. La sistemazione è una camera in un alloggio indipendente con bagno. Si ospita un solo wwoofer alla volta per un minimo di tre settimane. Lingue parlate inglese e francese”.

A Sanremo, invece, c’è Stefano: “Ho 40 anni e sono il proprietario di circa 6000 metri di terra, dove vivo da solo con il mio cane Bubi, sulla prima collina a circa 1 km a piedi dal mare, e 4 km in auto da Sanremo. La casa e la terra hanno una meravigliosa vista mare. Il mio progetto è di far nascere un’azienda agricola di piante aromatiche, e una piccola parte di orto, oltre un uliveto situato in un altro appezzamento. Offro con entusiasmo ospitalità a wwoofer in cambio di aiuto nell’attività agricola e scambio culturale. I wwoofer hanno a disposizione 1 camera privata, 1 mansarda, e 1 bagno (oppure una comoda tenda in giardino); cucina ad uso comune, 2 terrazze e grande giardino. Cucino abbastanza bene, si mangia una alimentazione varia; non fumo. Parlo italiano madrelingua, inglese e francese livello medio. Sovente si praticano attività ludico-sportive, quali trekking, kayak, e balli”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.