Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, nasce il gruppo civico “La Voce”, “Presa d’atto del fallimento dell’attuale amministrazione”

"Il ‘cambiamento’ tanto decantato è rimasto mero slogan"

Più informazioni su

Imperia. A poco meno di un anno dalle elezioni amministrative di Imperia, qualcosa nel capoluogo si inizia a muovere: stiamo parlando di un “qualcosa” di politico, infatti è nato il comitato civico “La Voce” costituito dai consiglieri comunali di Imperia Cambia Paolo Re, Natalia Riccò e Ester D’Agostino. Imperia Cambia è il gruppo consiliare del sindaco Carlo Capacci al cui interno c’è il dissidente Paolo Re che però non sembra essere molto in linea con la politica del sindaco.

“L’iniziativa – è scritto in una nota – nasce dalla presa d’atto del fallimento dell’attuale amministrazione. Infatti il ‘cambiamento’ tanto decantato è rimasto mero slogan, le promesse e le aspettative sono state spesso tradite e disattese. Come è noto il progetto dell’attuale maggioranza aveva visto i tre consiglieri, responsabili politici del gruppo, partecipare con entusiasmo e lealtà sin dall’inizio, in vista di un rinnovamento della politica amministrativa della città. Gli stessi si sono attenenuti al patto con gli elettori restando fedeli a quel progetto, a costo di schierarsi a volte a favore e a volte contro le decisioni assunte da chi guida la giunta. Sarebbe scorretto sostenere che non si è fatto nulla di buono, come per polemica alcuni delle opposizioni sembrano affermare, è però vero che con il tempo sono emerse difficoltà e contraddizioni che sono in contrasto con gli ideali iniziali. In particolare si rileva come sia emersa sempre di più una distanza dall’opinione dei cittadini. Spesso si è mandato avanti una realtà incline a dare più peso alle esigenze delle alleanze e degli equilibri politici. La netta percezione della maggioranza degli abitanti di ogni orientamento politico, è che la città sia abbandonata ad un declino progressivo. È evidente che non si possa e non si debba rimanere indifferenti alle istanze dei cittadini , che da parte di questa amministrazione comunale hanno visto troppo spesso anteporre funamboliche alchimie politiche create – con evidenza – per prolungare in extremis i tempi del mandato, a risoluzioni concrete dei problemi della città”.

Ecco da chi è composto il comitato civico “La Voce”:

Responsabili politici – Ester D’AgostinoPaolo Re e Natalia Riccò

Presidente - Giovanni Ferrero
Vicepresidente/Portavoce – Giulio Geluardi
Segretario - Giovanni Peirone
Tesoriere – Mauro Terragno
Responsabili organizzativi eventi e rapporti con gli enti – Gabriele Oreggia e Manfredo Macaluso
Consulente politiche ambientali – Francesca Antonelli (Sanremo Attiva)

Con la nascita de “La Voce” inizia ad entrare nel vivo l’avvio della campagna elettorale ad Imperia, dove tre consiglieri un tempo sostenitori del progetto civico di Carlo Capacci hanno iniziato a voltare pagina, visto anche il rapporto burrascoso con l’inquilino di palazzo civico e di una maggioranza che ormai attende di finire il mandato.

“La Voce” punta il dito sulle promesse e azioni disattese dall’amministrazione civico progressista di Carlo Capacci come il “ problema della raccolta rifiuti e della relativa gestione, dalle scelte sulla viabilità e il parcamento, dal  percorso per raggiungere la gestione  dell’acqua pubblica, dalla risoluzione dei  disagi derivanti dalla nuova stazione, dai tentativi di mediazione del contenzioso con i titolari dei posti barca nel porto, dalla ricontrattazione dei mutui dei beni comunali e quindi della cittadinanza stessa, alla promozione turistica concreta e a un maggiore impegno per ottenere finalmente un più profondo senso civico comune. E questo soltanto per citare qualche esempio, tra i più eclatanti. L’Amministrazione attuale sembra aver perso il contatto diretto con la gente”.

“Pertanto, in coerenza con le motivazioni che hanno portato alla sua nascita, il comitato civico ‘La Voce’ intende aprirsi a tutti i cittadini ponendosi questi obiettivi:
- mettere in evidenza (in modo serio e concreto) le criticità che hanno caratterizzato e caratterizzano l’attuale amministrazione;
- confrontarsi direttamente con la gente per recepire istanze e proposte per un futuro progetto politico-amministrativo nell’ottica, questa volta, di un reale cambio di rotta prendendo spunto anche dagli errori del passato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.