Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Concorsi e assunzioni a Rivieracqua nel mirino della guardia di finanza di Imperia

La società imperiese finita nell'occhio del ciclone è presieduta dall’avvocato Massimo Donzella e diretta da Gabriele Saldo

Imperia. C’è un’inchiesta aperta dalla Procura di Imperia che riguarda Rivieracqua, la società con sede in via Bresca che gestisce il servizio Integrato nell’Ambito Territoriale Ottimale Imperiese. Due i reati contestati abuso d’ufficio e corruzione. Nel mirino della magistratura sono finiti i bandi pubblici per l’assunzione di diverse risorse tra operai, letturisti, tecnici e amministrativi. Selezioni rivolte a ragionieri, geometri, candidati diplomati o con licenza media: 250 persone in cerca di un impiego in una provincia che da anni ha fame di lavoro.
A condurre l’attività investigativa, forse avviata dopo alcuni esposti, è la guardia di finanza che avrebbe acquisito diversa documentazione nella sede di via Bresca a Imperia. Ma non solo perchè diverse perquisizioni vi sono state anche in altre cittadine della Riviera e fuori regione. Ci sarebbero già diversi indagati, ma l’inchiesta sarebbe alle battute iniziali e potrebbe, come sempre succede in questi casi, riservare ulteriori sviluppi.

Come noto la società consortile per azioni a capitale pubblico è presieduta dall’avvocato Massimo Donzella e diretta da Gabriele Saldo. E’ stata costituita il 14 novembre 2012 allo scopo di gestire il Servizio Idrico Integrato nell’Ambito Territoriale Ottimale Imperiese.

Attualmente hanno aderito alla Scpa Rivieracqua una quarantina di Comuni della provincia di Imperia. Ha la sua sede legale ed amministrativa ad Imperia, in Via Bresca; ma sedi sedi operative anche a Diano Marina in Via Biancheri, 50 ; Vallecrosia presso la sede Comunale via Orazio Raimondo, 71. Solo la settimana scorsa si era riunita l’assemblea presso la sala degli specchi di Palazzo Bellevue che approvato il bilancio di oltre 13 milioni di euro. Ora c’è questa inchiesta della guardia di finanza che cerca di scoprire se siano state commesse eventuali irregolari nella procedura dei concorsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.