Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Boat sharing, la nuova frontiera dei viaggi condivisi conquista la Riviera

Dopo Airbnb, BlaBlaCar e Flixbus ora anche c’è anche chi sceglie di “dividere” la proprio imbarcazione

Più informazioni su

Imperia. Addio al prototipo della “famiglia Brambilla in vacanza” con marito, moglie, prole e, a un passo indietro, la fantesca e il pupo più piccolo. La nuova frontiera dei viaggi condivisi con “sconosciuti” ha conquistato anche la Riviera dei Fiori. Dopo Airbnb per il pernottamento, BlaBlaCar per gli spostamenti in auto e Flixbus per quelli in pulman, ora anche c’è anche chi sceglie di “dividere” la proprio imbarcazione per chi vuole vivere il mare in un modo tutto nuovo e soprattutto a costi ridotti. Sono principalmente gli skipper locali che hanno messo a disposizione dei turisti 2.0 posti in barca a vela attraverso marketplace come Sailsquare.

Nel mondo del boat sharing, Sailsquare è senza dubbio una delle piattaforme più famose. Tra le centinaia di armatori che collaborano con questa startup, diversi sono quelli dell’imperiese. Skipper “navigati” che hanno studiato itinerari di viaggio per scoprire lo specchio acqueo del Ponente e le bellezze costiere di tutta la Liguria, quindi da Sanremo alle Cinque Terre. Generalmente propongono weekend o vacanze di più giorni  a bordo della propria barca a vela. I posti spesso sono limitati a quattro per avere il massimo confort sia in porto che in navigazione. Chi si aggrega diventa a tutti gli effetti un membro dell’equipaggio e potrà anche collaborare timonando, gestendo virate e strambate e ancora provvedendo alla regolazione fine delle vele. I porti di imbarco e sbarco variano a seconda dell’itinerario scelto.

Ad esempio, per un viaggio a tappe nel Tirenno, si sale a Bonifacio in Corsica  e dopo circa dieci giorni si scende a Marina degli Aregai a Santo Stefano al Mare. Se si sceglie invece una rotta total ligure, con tappe a Porto Venere, Portofino o l’isola della Gallinara – solo per citarne alcune – gli scali sono dirottati su Genova e Savona. Ma non solo traversate. Perché i nostri skipper hanno pensato proprio a tutto, anche a lezioni di vela rivolte a chi vuole conoscere le non semplici caratteristiche tecniche dell’imbarcazione o vuole solo impratichirsi. L’aula didattica? Le baie di Aregai, Sanremo e della Costa Azzurra.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.