Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, sabato incontro sulla bioagricoltura applicata foto

Durante l'incontro saranno disponibili anche i nuovi bulbi pronti per essere trapiantati

Più informazioni su

Vallecrosia. Sabato prossimo, 10 giugno alle ore 16:30 , presso il vivaio “Le joli jardin” in via Colonnello Aprosio, si terrà un incontro sulla “Bioagricoltura” applicata alla coltivazione in vaso, sul terrazzo o nell’orto della cipolla egiziana ligure senza l’uso di prodotti chimici.

È un incontro gratuito rivolto ad hobbisti, agricoltori od ortisti urbani, a chi per la prima volta si vuole affacciare al mondo della “cipolla egiziana”, o chi per curiosità ne ha sentito parlare e vuole conoscere da vicino le caratteristiche di un bulbo antico che sta riscoprendo una seconda giovinezza attraverso tecniche di coltivazione e di gestione della terra nel rispetto dell’ equilibrio dell’ambiente, trattando gli aspetti agronomici e la difesa con le nuove e antiche avversità. Non un’agricoltura di sostituzione, ma un ripensare ad un modello di convivenza con la diversità biologica e la fertilità del suolo.

L’ Allium cepa viviparum conosciuta da tutti come cipolla egiziana ligure, è una pianta perenne e rustica, che si presta benissimo alla coltivazione naturale, senza l’utilizzo di prodotti chimici, una pianta coltivata in passato con successo nei nosti terreni con un portamento elegante e vigoroso, giunta a noi intatta dopo oltre 4 secoli, portandosi dietro il mistero e la tradizione agricola del nostro territorio.
Durante l’incontro saranno disponibili anche i nuovi bulbi pronti per essere trapiantati.

“Marco Damele, imprenditore agricolo e tecnico di coltivazioni biologiche e biodinamiche , è protagonista da oltre vent’anni nel mondo della floricoltura del ponente ligure. Dai premi nazionali e internazionali ricevuti per la sua coltivazione di verde ornamentale a Camporosso in provincia di Imperia, dopo un arricchimento professionale alla guida dei giovani agricoltori, ha orientato l’attività dell’azienda sulla ricerca e coltivazione delle antiche varietà orticole, di cui per via della moda, dei gusti e della richiesta di mercato si erano letteralmente perse le tracce. In particolare ha studiato e reintrodotto nei nostri terreni la cipolla egiziana ligure (Allium cepa viviparum), diventata in poco tempo preziosa ed autentica testimone della biodiversità del Ponente ligure. Marco oggi è un contadino moderno, un custode della biodiversità, titolare di un’azienda all’avanguardia orientata al futuro che alterna alla coltivazione, anche una ricca attività di incontri e conferenze in giro per l’Italia.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.