Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, furto da vigili e scuola Doria: le indagini dei carabinieri per sgominare la banda che ha assalito il plesso di via Roma fotogallery

Dopo un minuzioso e lungo sopralluogo, inizia l'attività di analisi degli elementi raccolti

Vallecrosia. Sono indagini complesse quelle che i carabinieri della compagnia di Bordighera, al comando del capitano Ignazio Lorito, stanno compiendo per risalire all’identità dei malviventi che nella notte tra mercoledì e giovedì hanno fatto irruzione negli uffici della polizia municipale e nel vicino plesso scolastico delle scuole Doria. Due pistole con i relativi caricatori, computer e tablet: questo il bottino del furto aggravato messo in atto, con ogni probabilità, da più malintenzionati.

Ieri i militari hanno effettuato un minuzioso sopralluogo sia presso il comando dei vigili, all’angolo di via Roma, sia nel plesso scolastico adiacente e ora dovrà iniziare quella che è la vera attività investigativa dell’Arma con l’analisi degli elementi raccolti fino ad ora.
Indagini lunghe e complesse, durante le quali i carabinieri prenderanno visione delle telecamere presenti nella zona, allargando il più possibile il raggio d’azione. Non basterà, infatti, basarsi su quanto rimasto impresso nel sistema di videosorveglianza dell’area immediatamente prospiciente al complesso preso di mira dai ladri. Per cercare di stringere il cerchio attorno alla banda, ben organizzata, che ha assalito scuola e uffici con l’ausilio di flessibili e piedi di porco, i carabinieri dovranno osservare attentamente quanto accaduto nelle ore precedenti e successive al colpo su tutte e quattro le arterie che conducono agli edifici. Sono infatti quattro i percorsi che i ladri possono aver compiuto per raggiungere il loro obiettivo e altrettanti quelli utilizzati come via di fuga: la provinciale che conduce a Perinaldo, via san Rocco per raggiungere Camporosso, il ritorno a Bordighera passando dalla Romana e l’Aurelia. Anche se quest’ultima ipotesi al momento sembra essere quella meno probabile, i militari non potranno lasciare nulla di intentato.

Il colpo. Per accedere all’interno degli uffici della polizia municipale, messi a soqquadro, i malviventi armati di flessibile e altri attrezzi, hanno letteralmente piegato le inferriate che proteggevano la finestra che si affaccia sul cortile della scuola Doria. Cercando negli armadietti, nei cassetti e perfino negli spogliatoi, i ladri hanno trovato due pistole, con relativi caricatori. All’arrivo degli agenti, la mattina successiva, a terra erano rimaste solo le fondine in cui erano custodite le armi.

Dal comando, per raggiungere la scuola è bastato scavalcare una recinzione. Nell’edificio che ospita le classi elementari e medie oggi si contano i danni ingenti: i ladri, infatti, hanno abbattuto a mazzate la porta blindata dell’ufficio che ospita la direzione nel tentativo di sottrarre la cassaforte murata. Forzata anche la porta di accesso all’aula di informatica, nella quale sono stati sottratti computer e tablet.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.