Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccini obbligatori per i migranti “dal Terzo Mondo”, la proposta della Lega Nord in Consiglio regionale

Per la giunta ha risposto l’assessore alla sanità Sonia Viale. L’assessore ha spiegato che la materia è disciplinata da indicazioni del ministero che prevedono adempimenti da parte delle regioni

Genova. Oggi, in Consiglio regionale, Giovanni De Paoli (Lega Nord Liguria-Salvini) ha presentato un’interrogazione in cui ha chiesto alla giunta di attuare un piano di vaccinazioni preventive ed obbligatorie per i migranti provenienti da Stati con livelli sanitari non conformi agli standard europei. Il consigliere ha sottolineato che la Liguria, così come il resto del Paese, sta assorbendo un flusso di immigrati senza precedenti e che la legge italiana prevede le vaccinazioni obbligatorie per tutti i minori. «La stragrande maggioranza degli immigrati proviene da Paesi comunemente definiti “in via di sviluppo” o del “Terzo Mondo”, nei quali – ha aggiunto - sono ancora presenti numerose patologie assai pericolose per la salute e la comparsa di queste patologie in un Paese in cui sono state da tempo debellate genera il cosiddetto fenomeno delle “malattie di ritorno”, ovvero il potenziale contagio della popolazione locale per patologie per le quali da tempo non si effettuano più vaccinazioni, con un conseguente grave pericolo socio-sanitario».

Per la giunta ha risposto l’assessore alla sanità Sonia Viale. L’assessore ha spiegato che la materia è disciplinata da indicazioni del ministero che prevedono adempimenti da parte delle regioni. «Poiché ho ritenuto che questi documenti ministeriali non fossero sufficienti per accompagnare gli operatori addetti alla sorveglianza delle malattie infettive ho dato incarico ad ALiSa – ha detto – di creare un gruppo di lavoro misto che ha predisposto una procedura per l’assistenza ai profughi richiedenti asilo in cui vanno elencante le procedure da effettuarsi e precisano meglio quello che deve essere fatto rispetto al tema delle vaccinazioni degli immigrati». L’assessore ha illustrato nel dettaglio il piano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.