Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tenda bis sotto sequestro, gravano pesanti incertezze su un’opera prioritaria per l’economia territoriale

Infrastruttura attesa da anni stoppata da un'inchiesta della procura di Cuneo, ma ora vuole fare luce anche quella di Nizza

Potrebbe restare a lungo sotto chiave il cantiere per il raddoppio tunnel internazionale del Tenda. Anche il procuratore della Repubblica Jean-Michel Prêtre e non solo i colleghi cuneesi si muovono: ha chiesto verifiche specifiche sul muro alto 11 metri che “protegge” la Rd 6204 a Tenda, dove i mattoni sono spaccati.

Come si ricorderà dallo scorso 24 maggio la magistratura di Cuneo ha emesso nove misure cautelari, ma vi sono altre otto persone iscritte nel registro degli indagati. Tutti i 17 indagati di cui 4 ancora sottoposti al regime degli arresti domiciliari sono accusati di furto aggravato, frode in pubbliche forniture, detenzione illecita di esplosivi. Tra loro soprattutto responsabili e operai Fincosit, ma anche un dirigente Anas e due consulenti esterni.

In nove mesi di indagini è stato possibile scoprire che dal cantiere del valore di 176 milioni di euro sarebbero state sottratte almeno duecento tonnellate di acciaio destinate alla galleria, rivendute come materiale di scarto.

Al di là dei dovuti accertamenti disposti dalla procura preoccupa lo stop del cantieri tanto che i sindaci sia del versante cuneese che quelli francesi temono durissimi contraccolpi economici per tutto il territorio tra le due aree geografiche strettamente collegate anche alla provincia di Imperia e in particolare al ventimigliese. Il rischio concreto insomma è quello che la prosecuzione della statale 20 in val Vermenagna, possa essere stoppata a lungo e di fatto verrebbe isolata la valle Roya verso il Cuneese e viceversa.

Gravano pesanti incertezze insomma sul futuro di questa infrastruttura attesa da anni. Ancora non è dato sapere se a concludere gli interventi saranno i tecnici della romana Fincosit per un’opera, in particolare lo scavo del Tenda Bis, iniziato quattro anni fa.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.