Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piscina contesa a Taggia, Manni: “Si attaccano a un cavillo”

Il candidato sindaco di “Il passo giusto” risponde all’accusa di aver spacciato durante l’inaugurazione del 27 maggio la struttura come comunale, quando invece è ancora di proprietà de La fornace

Taggia. “Quella che si è tenuta il 27 maggio è stata una presentazione alla città di un’opera pensata per i cittadini e di cui siamo orgogliosi”. Così il candidato sindaco di Taggia Mario Manni (lista “Il passo giusto”) risponde all’accusa di Andrea Nigro – che insieme a lui corre alla poltrona di Primo cittadino con “Un comune in movimento – di aver spacciato durante l’inaugurazione del 27 maggio scorso la piscina sita in zona via Roggeri come comunale, quando invece era ed è ancora di proprietà della società unilaterale La fornace, nonché di aver fatto passare lo stesso evento come ufficiale.

Si stanno attaccando a un passaggio di proprietà in itinere e non ancora conclusosi per via di un piccolo cavillo notarile che non riguarda noi e neppure la piscina stessa ma la parte cedente, La fornace – prosegue il vicesindaco e assessore all’urbanistica uscente –. Perché l’impianto sportivo, che per altro ha già un gestore, è ceduto insieme ad altre opere all’interno di una sorta di pacchetto comprendente, fra gli altri, il silos di 300 posti auto, la strada, un altro parcheggio all’aperto e diverse aree verdi. Abbiamo scelto di acquisire la cessione delle opere tutte insieme per non frammentarla. Inoltre il cavillo a cui si sono attaccati riguarda una parte residuale dell’ipoteca relativa al silos ed è interesse de La fornace, a cui compete, risolverlo nel più breve tempo possibile”.

“Mi fa ridere questo tentativo di arrampicarsi sugli specchi per sminuire un’opera così importante e che l’amministrazione Genduso è riuscita a realizzare dopo anni di duro lavoro e impegno e soprattutto a ottenere come un di più, in quanto secondo i detrattori non si sarebbe mai potuta costruire – conclude Manni –. È l’ennesimo tentativo di sminuire l’operato e il suo risultato. È la modernizzazione della favola di Esopo de La volpe e l’uva: quando sai che a una cosa non riusciresti mai ad arrivare allora dici che non ti piace”.

[Foto profilo Facebook Mario Manni che ritrae il candidato sindaco nella lista “Il passo giusto” dopo il tuffo in piscina durante l’evento del 27 maggio scorso]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.