Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pesca, biologia marina, educazione ambientale, un mare di emozioni foto

100 giovani arrivano a Imperia da Vigevano

Più informazioni su

Imperia. Questa mattina 100 ragazzi della Scuola Elementare “DON MILANI” di Vigevano sono “sbarcati” nel Porto di Imperia Oneglia dove ad attenderli c’erano Miano Davide e Miano Giuseppe Comandanti delle imbarcazioni da pesca ZARA e SAMPEI, Barbara Nani, Federica Gelsomino e Davide Ascheri della Cooperativa Costae Balenae e Lara Servetti del Consorzio Porto Peschereccio di Oneglia. Pescatori, biologi, naturalisti tutti insieme per trasmettere a questi giovani la loro passione e competenza per il mare, per la biologia marina, per le specie ittiche poco conosciute e per l’educazione ambientale. Ritrovo all’infopoint sul molo lungo dove si è svolto il laboratorio con i pescatori e i biologi per poi passare alla spiaggia con la lezione di biologia marina. In una frase: un mare di emozioni. Un percorso teso a stimolare, conoscere, approfondire i meccanismi che regolano l’ecosistema e il suo delicato equilibrio. Afferma Barbara Nani Presidente della Cooperativa Costa Balenae: “Grazie ai nostri progetti riusciamo a trasmettere alle persone cosa vuol dire imparare a rispettare e tutelare il nostro mare partendo soprattutto dalle nuove generazioni che rappresentano il future e la speranza”.

Continua Miano Davide Comandate dell’unità ZARA: “E’ sempre un piacere per noi pescatori parlare con dei bambini e far comprendere loro che noi amiamo il mare come nessun’altro al mondo, non per nulla trascorriamo in mare la maggior parte del nostro tempo”. Chiude Lara Servetti del Consorzio Porto Peschereccio: “L’infopoint e i pescatori sono sempre disponibili per l’attività rivolta alle scuole. La prossima settimana ospiteremo altri 22 ragazzi della classe 2D medie dell’Istituto Mario Novaro di Imperia. In quell’occasione abbiamo chiesto anche a “Nanni” Terrizzano maestro d’ascia della storica famiglia Terrizzano con una tradizione navale che risale al 1850 di essere presente insieme a noi. Il settore della pesca professionale nonostante il grande momento di difficoltà c’è e vuol far conoscere a tutti i proprio immenso valore.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.