Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega del cane di Ventimiglia “L’Asl è obbligata a rispettare le leggi sulla sterilizzazione”

Battaglia per ottenere l'applicazione delle 281/91 e 23/2000 che obbligano le Asl a provvedere alla sterilizzazione dei gatti randagi

Ventimiglia. Ancora una volta la Lega del cane di Ventimiglia, porta avanti una battaglia per ottenere il rispetto e relativa applicazione delle Leggi 281/91 e la Legge regionale 23/2000.

Cosa prevedono queste due leggi? Tali Leggi, senza possibilità di equivoco o di male interpretazioni, obbligano le Asl (per quanto ci guarda l’Asl1 imperiese) a provvedere direttamente alla sterilizzazione dei gatti randagi.

Le leggi indicano inoltre che qual ora l’Asl non possa provvedere direttamente, deve delegare studi veterinari a svolgere tale attività. In data 17 maggio u.s, la Lega del cane ha inviato al direttore generale Damonte Prioli, dell’Asl 1 imperiese, una lettera chiedendo un incontro, comunicandogli fra l’altro, che il comitato direttivo della nostra sezione avrebbe deciso di rivolgersi alle autorità giudiziarie per tali inadempienze. In data 09 giugno, è stato inviata una lettera di sollecito.

Sabato 17 giugno p.v, presso la sede della Lega del gatto di Sanremo, si incontreranno  i delegati della Lega del gatto, Lega del cane di Ventimiglia e di Imperia, Enpa e Lav, per decidere su un’eventuale azione comune da intraprendere al fine di ottenere le applicazione delle leggi che regolano la sterilizzazione. Nei 17 Comuni che compongono il distretto sociosanitario di Ventimiglia, circolano circa 10.000 gatti randagi ( dato rilevato per una serie di indagini e contatti svolti dalla nostra associazione). Questi gatti, non sterilizzati, continuano a creare cuccioli, che a loro volta creano altri cuccioli.

Nell’anno 2007, da un censimento, sempre da noi svolto, risultavano circolanti circa 7.000 gatti; l’anno 2007 è stato un anno negativo per quanto riguarda il problema, in quanto l’asl ha cessato di svolgere direttamente la sterilizzazione dei felini randagi. Ci poniamo una semplice domanda; se un cittadino non rispetta le leggi, viene giustamente condannato? L’Asl1 imperiese che non applica le leggi perché non viene condannata?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.