Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, presentato il progetto di alternanza scuola lavoro il “Panettiere Solidale” foto

L'iniziativa finalizzata alla riduzione degli sprechi di eccedenze alimentari e alla loro distribuzione a fini di solidarietà sociale, in particolare agli indigenti e alle persone in maggiori condizioni di bisogno.

Imperia. E’ stato presentato questa mattina il progetto di alternanza scuola lavoro “Panettiere Solidale“grazie alla stretta collaborazione con il Liceo Vieusseux di Imperia, l’Associazione ‘Libera’ e l’amministrazione Comunale. L’iniziativa  finalizzata alla riduzione degli sprechi di eccedenze alimentari e alla loro distribuzione a fini di solidarietà sociale, in particolare agli indigenti e alle persone in maggiori condizioni di bisogno. “Nello specifico il Liceo Viesseux e il comune di Imperia in particolare con l’assessorato alle politiche sociali” sostiene l’assessore Chiarini” hanno voluto concentrarsi su un progetto in cui i ragazzi aiutati dalla scuola hanno approfondito una serie di dati sulla povertà la situazione della disuguaglianza e su come eventualmente questa situazione possa avere anche delle correlazioni con situazioni di illegalità e non sono mancati una serie di approfondimenti e di collaborazione tra i ragazzi e le associazioni e delle onlus di tutto il territorio, un progetto molto ampio, per noi questo progetto che può essere considerato un progetto pilota è un grande esempio di cittadinanza attiva e siamo molto soddisfatti.

“L’idea ci è venuta quando ci siamo chiesti cosa potessimo fare noi ragazzi del Presidio Montalbano-afferma un esponente-per migliorare in qualcosa la nostra città e l’approccio alla solidarietà, in particolare per le persone in maggiore difficoltà. Insieme ad alcune insegnanti abbiamo studiato la legge 166 (approvata il 19 agosto 2016) che mira a distribuire le eccedenze alimentari o farmaceutiche a fini di solidarietà sociale, a ridurre l’impatto sull’ambiente e la produzione di rifiuti e a contribuire ad una informazione e sensibilizzazione dei consumatori, e abbiamo iniziato a delineare il seguente progetto collaborando con l’Assessorato alle Attività Educative e il Consiglio Comunale dei Ragazzi del Comune di Imperia. Inizialmente noi ragazzi abbiamo saggiato le pratiche messe in atto dai panettieri e il loro interesse a recuperare le eccedenze alimentari con un questionario che abbiamo somministrato a tutte le Panetterie di Imperia. Da questo è emerso come molti esercizi fossero già impegnati nella donazione di alimenti invenduti, spesso, tuttavia, senza particolare organizzazione. In base alle risposte ottenute con il questionario abbiamo diviso le panetterie tra quelle disponibili a donare direttamente ai bisognosi e quelle che hanno preferito cedere il pane a chi può occuparsi di distribuirlo o utilizzarlo in mense”.

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Imperia ha ideato il logo del progetto da affiggersi alle vetrine delle panetterie che aderiscono. Abbiamo cercato di coordinare le attività delle varie panetterie organizzando noi la distribuzione tenendo conto delle esigenze di volontari e panettieri e parallelamente abbiamo proposto al Comune l’applicazione del coefficiente di sgravio fiscale sulla tassa della spazzatura previsto per le attività che “cedono, direttamente o indirettamente, tali beni alimentari agli indigenti e alle persone in maggiori condizioni di bisogno”. Per dare valore e sancire l’impegno reciproco di Panetterie e volontari abbiamo sottoscritto con il Comune, le panetterie e i volontari un patto di solidarietà che definisce le linee guida a cui attenersi e sottolinea la continuità nel tempo dell’accordo stipulato. Provvederemo in questo primo periodo ad inviare un report bimestrale alle panetterie “solidali” e saremo in stretto contatto con la rete di volontari per monitorare l’attività e mettere a punto eventuali migliorie. Il nostro è un progetto pilota per capire come sviluppare una rete di solidarietà in grado di distribuire gli alimentari avanzati che vengono donati e possono ancora essere consumati. In base ai risultati ottenuti nei prossimi mesi si valuterà il modo di allargare questa rete anche ad altre attività commerciali, quali supermercati, alimentari, bar ecc.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.