Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il presidente di Confartigianato Imperia Enrico Meini a Roma per l’incontro sugli indici di affidabilità fiscale

Durante l’incontro si è discusso dei principi che hanno portato all’introduzione di questa novità e dei parametri sui quali si basa per la verifica delle congruità di ogni settore

Imperia. I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale, istituiti per sostituire gli studi di settore, sono al centro di una serie di incontri, presso la sede SOSE a Roma, con le Associazioni di Categoria ed i rappresentanti dei vari settori economici. SOSE – Soluzioni per il Sistema Economico Spa – è una Società per Azioni costituita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (88%) e dalla Banca d’Italia (12%).

La Società, operativa dal 1999, svolge tutte le attività di analisi strategica dei dati e di supporto metodologico all’Amministrazione Finanziaria in materia tributaria e di economia d’impresa. Questi incontri, che vedono la presenza dei tecnici di SOSE e dell’Agenzia delle Entrate, hanno l’obiettivo di effettuare un primo confronto sui risultati della sperimentazione avviata che segna il passaggio dagli studi di settore ai nuovi ISA. Ieri, in occasione della riunione dedicata al comparto della manifattura, è intervenuto a Roma il presidente della Confartigianato di Imperia Enrico Meini, in qualità di presidente nazionale dei Panificatori.

Durante l’incontro si è discusso dei principi che hanno portato all’introduzione di questa novità e dei parametri sui quali si basa per la verifica delle congruità di ogni settore. Il presidente Meini in particolare ha portato l’attenzione su due temi, importanti per tutto il comparto alimentare e manifatturiero, sui quali è necessario un ulteriore approfondimento per aspetti lacunosi o migliorabili. Si tratta della questione “scorte”, con il materiale acquistato e presente in deposito che attualmente comporta un ingiustificato ribasso della valutazione di congruità, e degli “avanzi” con il prodotto invenduto sul quale non si prevede ancora una determinazione certa.

“Ho anche sottolineato l’importanza di prendere in considerazione la localizzazione delle attività – ha aggiunto Meini – soprattutto per quel che riguarda le zone turistiche dove il lavoro in determinati momenti dell’anno aumenta notevolmente”. Ora le varie parti torneranno a breve ad incontrarsi per continuare ad esaminare la questione. Saranno infatti programmate nuove riunioni di approfondimento, specifiche per singolo indice sintetico di affidabilità di settore, nell’ambito delle quali saranno esaminati i relativi risultati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.