Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assolto perchè il fatto non sussiste il medico del carcere Kalid Rawash

La decisione del giudice monocratico Laura Russo al termine dell'udienza in aula magna

Imperia.Ci sono voluti sei anni, ma alla fine il medico del carcere di via don Abbo a Imperia, Kalid Rawash, può davvero tirare un sospiro di sollievo. Questa mattina il giudice monocratico Laura Russo lo ha assolto perché il fatto non sussiste pronunciando la sentenza nell’aula magna del tribunale di Imperia.

Una sentenza che può mettere col cuore in pace il medico. Ma era convinto della sua innocenza in questa vicenda che risale al 2011 anche il suo legale Giovanni Di Meo. Ma la cosa più importante che ha chiesto l’assoluzione anche il pubblico ministero che aveva seguito la storia, Alessandro Bogliolo.

Il professionista era finito sotto processo accusato di falso perché avrebbe aiutato un detenuto del penitenziario imperiese. Avrebbe sostituito i campioni delle urine al ritorno in carcere dell’uomo dopo che aveva ottenuto un permesso. Con questo sistema sarebbero sparite tracce di cocaina e anche di benzodiazepine, sostanze che invece erano state riscontrate in una analisi effettuata in precedenza.

Ma in fase dibattimentale è emerso che il medico non avrebbe commesso alcun reato e ora la sua posizione processuale finisce in archivio con la sentenza assolutoria letta in tribunale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.