Quantcast

Sanremo, diocesi in festa per le vocazioni sacerdotali

Altre ordinazioni sono previste a luglio al santuario della Madonna Miracolosa di Taggia

Sanremo. Per la diocesi di Ventimiglia-Sanremo è iniziato un periodo denso di eventi. L’altro ieri, durante la lectio mensile del vescovo Antonino Suetta, sono ammessi tra i candidati al diaconato e presbiterato: Marco De Francesco, Stefano Crotta e Vincenzo Zito, tutti studenti del biennio filosofico.

Ieri poi, ella cattedrale di Ventimiglia Alta, sono ordinati diaconi Alessandro Bertone e Salvatore Albano. Il primo è nato a Bra ed ha 32 anni, figlio di Claudio ed Anna Maria. Ha vissuto l’esperienza dello scoutismo per 12 anni quindi, dopo un periodo di missione trascorso in Tanzania, ha maturato definitivamente la vocazione attraverso un discernimento di tre anni con i Padri Passionisti. Salvatore, invece, ha 37 anni, ed è nato ad Agrigento da papà Calogero e mamma Teresa. E’ stato insegnante di religione nel primo circolo di Ventimiglia.

Per questi due eventi è stata organizzata in seminario una giornata di adorazione iniziata giovedì pomeriggio che si è conclusa venerdì. Il primo giorno di luglio, alle 10, nel santuario della Madonna Miracolosa di Taggia, sono previste le ordinazioni diaconali di Antonio Saccomanno, Martin Loza Perez, Sueli Fornoni e Thomas Toffetti Lucini e quelle presbiterali di Antonio Nuccio Garibaldi e Valerio Vacca.

“La gioia della diocesi e del presbiterio per le nuove ordinazioni, ci deve spingere ancora di più a lodare Dio e a pregare il padrone «perché mandi operai nella sua messe», consapevoli che, se la qualità conta certo più dei numeri, il ruolo del sacerdote è insostituibile – fanno sapere in curia – Per questo la preghiera, se non è vivificata da una testimonianza credibile, resta un puro esercizio di stile quando non diventa, addirittura, un ostacolo per il cammino di fede”.