Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riordino giochi, Albano (Pd): “Più controlli e meno postazioni”

Lo afferma al termine dell'incontro dei parlamentari con il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta

Liguria. “Il Governo è deciso a portare avanti quanto avevamo già indicato nella Legge di Stabilità 2016, una sensibile riduzione delle apparecchiature slot e videolotteries, l’utilizzo del tesserino sanitario per l’identificazione del giocatore per le Vpr da remoto, come avviene già per i distributori di sigarette, e l’introduzione di una distanza minima di 150 metri dai luoghi sensibili” afferma la senatrice Donatella Albano del Partito democratico al termine dell’incontro dei parlamentari con il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta per discutere della proposta di riordino del settore dei giochi.

“Rrestano ancora di definire importanti aspetti quali l’ulteriore regolamentazione del gioco on-line e i limiti per la pubblicizzazione dei giochi, ma un ulteriore passo avanti è costituito dall’obbligo di interruzione dell’attività di gioco per 6 ore giornaliere. Lo Stato nel 2016 ha incassato 10,5 miliardi dal gioco, 5,8 dalle slot, ma le conseguenze sociali e le infiltrazioni della criminalità organizzata necessitano di una forte risposta, di un maggior controllo da parte dello Stato”.

Nella bozza in discussione è prevista inoltre l’eliminazione entro fine 2017 dei giochi da alberghi, esercizi commerciali, edicole, ristoranti, stabilimenti balneari, rifugi alpini, circoli privati, la totale eliminazione in 3 anni delle AWP nei bar e nelle rivendite di tabacchi, se non saranno in grado di innalzare il proprio livello qualitativo ottenendo la certificazione di tipo A.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.