Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La piazzetta dei Fiori a Cervo dove fioriscono le note di magici violini barocchi

Quel nome risale al 1871; lì abitava il "Chicchinollo", al secolo Francesco Fiori, sarto e soprattutto violinista

Cervo. La piazzetta dei Fiori a Cervo dove fioriscono le note di magici violini barocchi. Appena sorpassato il Puntin, percorrendo via Matteotti, fatti venti passi, si intravvede sulla destra, per chi sale al Castello, la piazzetta dei Fiori. Ora e’ facile pensare, dati i vicoli dedicati ad essi, che siano la sintesi, come un estuario che sfocia al mare, l’apoteosi del loro viaggio profumato e colorato.

Certo, anche il fatto che questa piazzetta sia sempre stata abbellita da una infiorata variegata, per mano del Cavaliere, può condurre a quella deduzione. Nobile questo pensiero quanto quello che invece lega questo toponimo alla famiglia Fiori.

Cervo non a caso ha da ben 53 anni un Festival Internazionale di Musica da Camera.
La sua storia musicale però parte da molto lontano. Esiste una tradizione. La musica e’ direttamente proporzionale alle sue radici. Quel nome, piazzetta dei Fiori, risale al 1871.
Ivi abitava il ‘Chicchinollo’,al secolo Francesco Fiori, sarto e soprattutto violinista di provata perizia. Suo figlio, il professor Domenico Fiori, fu indirizzato da cotanto padre all’arte della musica con profitto e meriti. Egli divenne per diversi anni direttore d’orchestra al teatro dell’Opera’ di Nizza.

Celeberrimo teatro nella città vecchia, l’Opéra di Nizza è senza dubbio uno dei più bei teatri di opera lirica di tutta la Francia. Un superbo testimone che esprime inequivocabilmente l’importanza che la città ha sempre attribuito alla musica e al canto. La qualità delle rappresentazioni classiche (opera, balletto, concerti dell’Orchestra filarmonica di Nizza) e il ricco programma che propone un centinaio di rappresentazioni a stagione sono valsi all’Opéra, inaugurata nel 1885, notorietà a livello nazionale e le permettono ancora oggi di conquistare il cuore degli appassionati di lirica. Ecco come una appartata piazzetta di Cervo possa racchiudere in se’ il fascino di tanta arte cui i suoi figli diedero lustro e gloria nel mondo. Tra l’altro in questa piazza prese domicilio il professor Franco Vallora e parimenti nel palazzo dirimpettaio il maestro Sandor Vegh, entrambi virtuosi violinisti e concertisti nello stesso festival di musica da camera di Cervo ed in altri prestigiosi a livello mondiale.

Cervo e’ davvero da sempre una ‘Bomboniera di Cultura’ e di ‘Arte’ grazie al suo magico Borgo, alla sua gente e a chi lo ama e continuerà ad amarlo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.