Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inchiesta Tenda Bis, due indagati hanno risposto al gip e respinto le accuse

Un'attività investigativa che ha portato le fiamme gialle a chiedere il supporto della gendarmeria di Marsiglia

Cuneo. Antonino Froncillo, di Fincosit, direttore tecnico di cantiere e Antonio Palazzo, dipendente Fincosit e capo cantiere sono già stati interrogati ed hanno respinto le accuse mosse dalla procura. Domani riprenderanno gli interrogatori degli altri indagati: Vincenzo D’Amico, dell’Anas, direttore dei lavori; Luigi Mansueto, di Gallerie di Tenda scarl; Nunziante De Rosa, operaio Fincosit. E ancora Claudio Eusebio responsabile di area dei cantieri Nord Italia per Fincosit; Sergio Scarpelli di Fincosit, contabile di cantiere; Domenico Belcastro di Italconsul spa e Giovanni Di Chiara. Gli ultimi due sono consulenti esterni.

Sono tutti finiti nel mirino della magistratura di Cuneo e in particolare del sostituto procuratore Chiara Canepa che ha fatto emergere una serie di irregolarità nella realizzazione del tunnel Tenda Bis che collega Limone Piemonte e la Val Vermenagna alla Val Roya, in Francia. Devono rispondere a vario titolo dei di furto aggravato, frode in pubbliche forniture e detenzione illecita di materiale esplodente. Altre otto persone sono state raggiunte da avvisi di garanzia. L’attività del cantiere, almeno fino alla fine dell’estate, resterà sospesa.

I destinatari delle misure di custodia cautelare (tra domiciliari e obblighi di dimora), in sostanza, sono il personale di società costruttrici del raddoppio del tunnel per la Francia ovvero la “Grandi lavori Fincosit”, la “Galleria Tenda scarl” e Anas. Un’indagine molto complessa che ha preso le mosse lo scorso anno sotto la guida del colonnello Massimiliano Pucciarelli, comandante provinciale della GdF che ha visto impegnati in particolare gli uomini del nucleo mobile della compagnia di Cuneo. Secondo quanto ha potuto ricostruire la guardia di finanza che ha indagato sulle società costruttrici del raddoppio del tunnel tra Italia e Francia c’era un accordo fra gli indagati per rivendere materiali di metallo che sarebbero dovuti servire per la galleria. Li avrebbero rivenduti come rifiuti ricavandone circa 100 mila euro ad aziende che raccolgono il metallo nelle province di Cuneo e Torino.

Un’attività investigativa che ha portato le fiamme gialle a chiedere il supporto della gendarmeria di Marsiglia. Un passaggio in Francia necessario che ha permesso di sequestrare tutto il cantiere su entrambi i versanti.Proprio nel Paese d’Oltralpe si è verificata una parte delle frodi ipotizzate. Gli investigatori sono riusciti a individuare il meccanismo con cui gli indagati avrebbero sottratto materiali, per poi rivenderli.  Il materiale sottratto dal cantiere e rivenduto serviva per la “realizzazione a regola d’arte” del nuovo ponte. Si tratta di centine, piedritti, tondini zigrinati, micropali e altri profilati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.