Fossati (Imperia Riparte): “Altro che pugno di ferro Rudy de’ noialtri? L’avvocato lo pagheremo noi”

La mano pesante del sindaco rischia di diventare un boomerang e a pagare saranno gli imperiesi

Imperia. Consigliere comunale di opposizione, ma ancora prima avvocato che non è abituato a buttare giù rospi. Giuseppe Fossati di Imperia Riparte offre uno spunto di riflessione sulla questione delle multe ai clochard.

“Così, per opportuna conoscenza: qual è la procedura per l’irrogazione della temibile sanzione amministrativa da euro 100 ad euro 300 irrogata a chi ‘bivacca’ o ‘mendica’ ad Imperia, a seguito della ordinanza del Rudy Giuliani de’ noialtri? Elevazione del verbale di contestazione, notifica del verbale, 30 giorni di tempo per eventuali osservazioni del notificato, esame eventuali osservazioni e relativa istruttoria, emissione ordinanza ingiunzione da parte dell’ufficio competente, notifica della ordinanza ingiunzione. Se non paga (secondo voi i bivaccanti e mendicanti pagano?), iscrizione a ruolo, emissione cartella esattoriale, notifica cartella esattoriale”.

Un vortice burocratico che non sembra vedere mai la luce. E in effetti, secondo l’avvocato-consigliere, sembrerebbe essere proprio così: ” Tralascio i ricorsi, perché credo che i bivaccanti ed i mendicanti non faranno molti ricorsi. Ma non è detto, magari qualche attivista dei centri sociali si prende a cuore la vicenda, anche perché i bivaccanti e mendicanti, verosimilmente, hanno diritto al gratuito patrocinio (ossia l’avvocato lo paga lo Stato, cioè noi, che vinca o che perda)”.