Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, in casa con mezzo chilo di droga e 30mila euro in contanti: confermato l’arresto di Marco Scotti

L'uomo ora si trova rinchiuso nel carcere di Imperia

Più informazioni su

Imperia. Si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di convalida dell’arresto, di fronte al Gip Paolo Luppi. Si tratta del trentenne Marco Scotti, arrestato nella notte tra sabato e domenica scorsa dagli agenti di polizia della squadra mobile, nella sua abitazione del Solaro, a Sanremo.

L’uomo, originario di Milano ma da tempo residente nella Città dei Fiori, collaboratore presso un’agenzia immobiliare. Altra fonte di reddito però sembra essere quella dello spaccio di stupefacenti, dal momento che, nella casa dove vive, sono stati rinvenuti dai poliziotti: circa 30 grammi di cocaina, 200 di hashish e 300 di marijuana, insieme all’occorrente per il confezionamento delle dosi. Sembra che l’abitazione fungesse anche da supermarket dello spaccio. Inoltre , sempre in casa, sono stati rinvenuti 30.000 euro in contanti, considerati dagli investigatori il provento dello spaccio. Insieme a Marco Scotti – arrestato e ora ancora in carcere a Imperia– è finito anche nei guai Alex, il fratello 27enne, che è indagato ed è stato denunciato a piede libero perché in un suo borsone sono stati rinvenuti 15 grammi di marijuana. Fondamentali per gli uomini coordinati dal dirigente della Mobile Giuseppe Lodeserto, sono stati i pedinamenti dei clienti di Scotti, molti dei quali verranno segnalati in Prefettura come assuntori di stupefacenti. Indagini sono in corso per stabilire quali siano i canali di approvvigionamento della droga, che potrebbero portare a Milano, città natale di Scotti.

Il pm titolare del caso è il sostituto procuratore Stefania Brusa, che sostiene l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il legale difensore di Scotti, l’avvocato Alessandro Sindoni, sta valutando l’ipotesi di ricorrere al riesame. Fondamentale per la posizione dell’arrestato saranno gli esami Arpal sul grado di purezza dello stupefacente, in particolare la cocaina.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.