Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pieve di Teco, la minoranza boccia il bilancio di previsione: “Cittadini costretti a pagare tasse più del dovuto”

"Il bilancio approvato, se escludiamo i finanziamenti che la Regione ha concesso per i recenti danni alluvionali, circa 500.000 euro, è ridotto a nulla per lo sviluppo del paese"

Pieve di Teco. Renzo Brunengo e Alberto Molinari del gruppo consiliare “Uniti per Pieve di Teco” dopo la riunione di consiglio nel quale è stato approvato il bilancio di previsione 2017 affermano: “La settimana scorsa si è riunito il consiglio comunale che ha approvato il bilancio di previsione del 2017. Per far quadrare i conti nel modo più immediato e semplice i cittadini continueranno ed essere tartassati. Sulle bollette dell’acqua e della spazzatura sono stati caricati, in aggiunta alle altre spese, ben 158.100 Euro per il personale alle dipendenze del Comune. Cifre esagerate e non giustificate. Troppe cose non approviamo per come vengono gestite. Un bilancio che mette a nudo le gravi mancanze di questa amministrazione.

Alcuni servizi prima svolti dagli uffici comunali sono stati dati a personale esterno ma i dipendenti degli uffici comunali, anziché diminuire, sono aumentati. Questa è la verità, certificata dalle cifre ufficiali, non quella raccontata dal Sindaco per mascherare. Il centro per la raccolta differenziata aspetta da ben 10 anni di essere realizzato e per questo colpevole ritardo sulle bollette degli utenti viene riversata la penale comminata ogni anno dalla Regione.

Altro pasticcio con l’asilo nido di via Eula. Prima si voleva darlo in gestione ai privati e sono state indette ben due gare di appalto, pagando inutilmente una società di consulenza. Poi la Giunta, dopo avere individuato la ditta vincitrice, si è pentita ed ha annullato tutto. Il Sindaco e la Giunta hanno le idee molto confuse perché continuano a fare e disfare le loro stesse decisioni.

Il bilancio approvato, se escludiamo i finanziamenti che la Regione ha concesso per i recenti danni alluvionali, circa 500.000 Euro, è ridotto a nulla per lo sviluppo del paese. Serve per la gran parte a tenere in piedi gli uffici con la loro struttura, sempre più burocratizzata, e non per gestire in modo corretto i servizi che il Comune dà ai cittadini.

Abbiamo ricordato agli attuali consiglieri di maggioranza che Pieve ha molte possibilità di sviluppo e che il Comune potrebbe fare molto. Noi crediamo nel futuro di Pieve e nelle sue potenzialità, in linea con i tempi, e per questo ci battiamo. Pieve ha anche il ruolo storico di motore della Valle ma anche su questo e sull’Unione dei Comuni, l’amministrazione è mancante.

Dal sindaco non abbiamo avuto alcuna risposta nel senso da noi auspicato e neppure sulle nostre osservazioni. Nulla di concreto, solo parole di propaganda. Se l’è presa pure con le amministrazioni che lo hanno preceduto, addirittura dal 1970 in poi.

A questo punto non possiamo fare a meno di ricordargli che sono ben 14 anni che è in Comune, nove da sindaco e cinque da assessore nell’amministrazione Brunengo, dove ha approvato tutto quello che ora contesta.
Il nostro è stato un voto decisamente contrario”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.