Quantcast
Il caso

L’ex consigliere Moroni si appella al Prefetto: “Nullo il voto sul Casinò per via dell’incompatibilità di due consiglieri”

"Prevosto e Nurra non dovevano votare, sono due dipendenti della Casinò spa. Io e la Gugliotta nel 2013, su indicazione del prefetto, uscimmo"

massimiliano moroni

Sanremo. Chiede l’intervento del prefetto di Imperia Silvana Tizzano e l’annullamento della delibera votata sulle modifiche all’atto costitutivo del Casinò, l’ex consigliere comunale e attuale segretario dell’Ugl presso la casa da gioco Massimiliano Moroni. Motivo? “Nel 2013 quando ero consigliere comunale per una votazione analoga in consiglio dovetti uscire su parere della prefettura, invece mercoledì Nurra e Prevosto che sono dipendenti della Casinò spa, come me, hanno votato senza problemi. Nessuno in maggioranza ha sollevato il problema dell’incompatibilità e neanche la minoranza a parte il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia. All’epoca io e la consigliera Gugliotta – prosegue Moroni – uscimmo dall’aula e persino il sindaco Biancheri si dimise da presidente del golf proprio per problemi di incompatibilità.

Trovo anormale, la legge deve essere uguale per tutti e pertanto – sottolinea Moroni – chiedo al prefetto di intervenire pubblicamente e di annullare la delibera: la legge dice che non è contemplata neanche la presenza in sala dei consiglieri. Pur trovandola una norma assurda, questa è però la legge e va rispettata. Trovo molto strano questo silenzio – conclude – da parte della minoranza e di tutti coloro che si sono sempre spacciati per paladini della giustizia.”

leggi anche
Le immagini del consiglio comunale
Foto e particolari
Il Piano di Impresa del Casinò passa con 13 voti, fuori 4 consiglieri. Dipendenti occupano l’aula
commenta