Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia Rugby Under 8-10-12, ecco come sono andate le gare

Più informazioni su

Imperia Rugby Under 8 reattivi nel concentramento di Savona

Dopo i notevoli numeri, anche quantitativi, presentati nel raduno di Imperia, gli under 8 Imperia Rugby partecipano in forze al concentramento di Savona. 9 giocatori in tutto agli ordini dei tecnici Gianno e Moschetta. Gli appuntamenti si infittiscono via via che si avanza nella bella stagione, con il torneo “Pino Valle” all’orizzonte in quel di Imperia. Molto probanti le sfide per i piccoli imperiesi, dato che si sono trovati di fronte il sistema genovese quasi al completo. In particolare gli Amatori Genova, società da sempre attivissima a livello giovanile, hanno presentato due squadre molto ben preparate, quindi ci sono gli ostici rappresentanti del Cogoleto e la classica squadra “Barbarians” (il celebre club ad inviti privo di sede), formata dai valligiani delle Api di Mele con il Busalla. Come al solito l’esordio degli imperiesi non è stato contraddistinto da un impatto facile: subito gli Amatori e poi il Cogoleto, solitamente coriaceo. Sono bambini, dirà il nostro pubblico. Ma lo sono stati solo nella prima partita, vissuta un po’ da addomentati post prandiali. Il rugby insegna a reagire e così ecco i bambini che diventano leoncini con gli smaliziati pari età del Cogoleto: sconfitta sì, ma festival del placcaggio imperiese, un fondamentale che in Italia è un mantra. Il riscatto finale è arrivato con la mista Mele-Busalla, superata con largo margini. Gianno, da professore di scienze motorie, sottolinea la capacità reattiva dei suoi allievi, nonché le attitudini tecniche, sviluppati durante allenamenti in cui si predilige la conoscenza dei fondamentale, il rapporto con lo spazio e il comportamento, senza il dogma del risultato, che è cosa di altri sport meno educativi. In ogni caso si può segnalare un figlio d’arte, Nicolò Reitano. Sei mete ed una giornata da ricordare. Ma lui sa bene che ogni meta è figlia di un sacrificio collettivo.

Imperia Rugby under 10: per una volta gli inarrestabili hanno segnato il passo

Momento di riflessione per Imperia Rugby under 10. Dopo una serie di risultati straordinari in tutti i concentramenti, sono arrivate le prime vere battute di arresto. Il tecnico Iannone definisce la circostanza “una prestazione in chiaroscuro”. In particolare si è subito con il Cogoleto: pur segnando due mete, Imperia ne ha subite cinque. E Cogoleto si conferma un team capace di confrontarsi con gli attrezzati imperiesi. La scuola della cittadina dell’hinterland genovese è peraltro scrigno di una tradizione ovale che è pure quella degli Amatori Genova, vittoriosi su Imperia in modo più sofferto per tre mete a due. Imperia peraltro dilaga su Savona, con sette mete senza passivo: buon segno di fronte ad un’altra realtà giovanile in crescita indubbia. Vendemmia poi con la mista valligiana dei “Barbnarians” composti da elementi del Busalla e di Mele. Chiosa Iannone. “In generale la squadra ha prodotto un buon gioco anche se ha forse abbassato la guardia in alcune occasioni concedendo spazio di manovra agli avversari, immaginando di poter giocare come di consueto; bagno di umiltà doveroso !”. E questo è il rugby: accettare le sconfitte, meditare sugli errori compiuti per non ripeterli e prepararsi per la vita. Di fatto c’è un dato tecnico positivo, quello di aver segnato mete in ogni partita, merito del gioco propositivo e brioso messo in atto dai tecnici stessi. Plauso inoltre per i genitori, i quali interpretano in modo corretto il sostegno alla squadra ed alla società e hanno iniziato a comprendere ed apprezzare il rugby per i valori umani nonché educativi. Iannone e Reitano ovvero la conduzione tecnica, si dice soddisfatta.

I giocatori in campo

Alessandro Arquà, Cristina Arquà, Erik Balestra, Paolo Bissaldi, Achille Bonomi, Samuele Ceccarelli,  Leonardo Gandolfi, Pietro Giovannini, Gabriele Graniferro, Pietro Luvoni, Tsega Musso, Luca Oliviero, Lorenzo Semeria, Giacomo Vianello. Dirigente accompagnatore: Irene Ardoino.

Under 12: battesimo del fuoco in quel di Sant’Olcese

La under 12 di Imperia Rugby compie un passo avanti nel cammino verso la prossima stagione, che riguarderà molti passaggi in under 14. I ragazzi di Piero Binelli e Marco Trucco si recano a Sant’Olcese, alture di Genova, nella tana degli Amatori Genova. Questi, forieri di una bella scuola giovanili, organizzano il concentramento che ha visto di fronte in due gironi gli stessi Amatori Genova, Cogoleto, Busalla, Savona e Imperia Rugby Under 12.  La battaglia sul campo in sintetico (un sogno per Imperia, ahinoi), inebriati dal profumo dei salumi locali, apprezzatissimi, ha visto primeggiare l’Imperia stessa. E questo in ragione di un attento riconteggio dei risultati dopo che tre squadre si erano portate al primo posto ex-aequo. La vittoria assegnata a Savona sugli Amatori è stata ribaltata dal riconteggio delle differenze mete. Imperia aveva segnato tanto, tantissimo. Un po’ di chiarezza e tante scuse del delegato FIR: il rugby è sapersi accorgere degli errori ed accettare i risultati sul campo. In modo elegante e molto british. Il tecnico imperiese sul campo, Franco Iannone, è maestro in questi contegni. Insomma, 20 mete Imperia, 15 Savona e 13 Amatori. Questo dato, per quanto arido, è la materializzazione di uno sforzo collettivo in cui si è tradotto un gioco che gli under 12 imperiesi sanno fare, se opportunamente spronati (e ci ha pensato sempre Iannone con la sua eloquenza tenorile). Dunque si è visto tanto gioco, con rapidi passaggi, ottimi placcaggi e buona copertura degli spazi così come fatto notare alla fine dal tecnico Trucco che ha elogiato i ragazzi per le loro individualità. Del resto, è il giusto guiderdone di un’annata di lavoro intenso.

Così l’esito degli incontri:

Amatori-Imperia 1-3

Imperia-Cogoleto 7-0

Busalla-Imperia 3-8

Savona-Imperia 3-2

I giocatori in campo

Filippo Cerlienco, Giuseppe Serrano, Iacopo Iannone, Tobia Doria, Marco Nonnis, Valerio Orlandi, Gianluca Ramenzoni, Tommaso Airone, Eric Pelle, Thomas Wolf, Antonio Maione, Nicolò Bissaldi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.