Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Campo Sclavi non a norma e rischio partite a porte chiuse, l’ennesimo grido d’allarme dell’Argentina al Comune di Taggia

Fino ad ora tutti gli appelli sono caduti nel vuoto

Taggia. Due giocatori convocati nella rappresentativa della nazionale di Serie D al prestigioso Torneo internazionale di Viareggio. Duecento ragazzini che stanno ottenendo risultati eccellenti nei vari campionati con un obiettivo importante: far crescere e valorizzare i giovani del comprensorio. Il vivaio dell’Argentina Calcio cresce e si fa onore, ma l’impianto sportivo Ezio Sclavi dove giocano insieme ai loro compagni di squadra non è a norma. Un grido d’allarme che finora è caduto nel vuoto quello lanciato dalla dirigenza rossonera.

Lo hanno scritto nero su bianco in una lettera di due facciate spedita al sindaco Vincenzo Genduso e al suo vice Mario Manni. La storia si ripete, ma ora urge trovare una soluzione. “Lo Scalvi necessita di urgenti lavori di adeguamento e messa a norma”, scrive la società. Non basta? Ecco l’ultimatum. “La Federazione non è più disposta a rilasciare deroghe e il rischio di giocare a porte chiuse e o in altre strutture si fa sempre più concreta”. E la società rossonera non se la sente di formalizzare l’iscrizione al prossimo campionato. “Si richiedono garanzie e programmi sull’esecuzione delle opere necessarie per ottenere l’agibilità del campo Sclavi”. Nulla è perduto perché la stessa società ora si aspetta “un sollecito riscontro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.