Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, ladri di biciclette a bordo di una Jaguar: due stranieri condannati per furto aggravato

Entrambi erano stati arrestati dai carabinieri il primo aprile del 2016

Imperia. Andavano in giro per Sanremo a rubare a bordo di una Jaguar. E mal glie ne colse. Sono stati condannati oggi, per furto aggravato, due romeni residenti nella Città dei Fiori. Entrambi trentenni e con precedenti, sono : Petrica Sipos e Gabriel Bucica, che hanno patteggiato rispettivamente un anno il primo e otto mesi di reclusione il secondo. La pena maggiore per Sipo è motivata dall’essere recidivo. Il giudice era la dottoressa Laura Russo e il Pm titolare del processo Marco Zocco. I due romeni sono detenuti nel carcere di Sanremo.
Le manette ai polsi dei ladri erano scattate il primo aprile del 2016, quando i carabinieri del nucleo investigativo della Compagnia di Sanremo li sorpresero, nottetempo, con nel bagagliaio dell’auto un costosa mountain bike.

I FATTI
Alle pattuglie in borghese dislocate non poteva passare inosservata una Jaguar di lusso, con a bordo due soggetti apparentemente stranieri ed una vistosa bicicletta tipo mountain bike posta sui sedili posteriori, tra l’altro in una zona isolata della città dei fiori e in piena notte.

Ecco scattato il controllo. L’auto viene fermata e i due stranieri, palesemente in imbarazzo, non hanno saputo dare spiegazioni sulla presenza di quella bicicletta, per di più nuova.
In considerazione di ciò, nonché del fatto che la provincia è stata più volte bersagliata da furti di bici, anche di valore ed all’interno di garage, i militari hanno dato un’attenta occhiata in giro, accorgendosi che, proprio nelle vicinanze del luogo del controllo della jaguar, vi era un box auto aperto, con la saracinesca stranamente alzata. Bingo. Rintracciato il proprietario, non ha potuto fare altro che constatare il furto della propria bici, che teneva custodita nel suo garage, ovviamente lasciato chiuso fin dalla sera precedente.

Incontenibile è stata la gioia del malcapitato nel rivedere immediatamente la propria bicicletta, contento anche del fatto che i ladri fossero stati beccati così velocemente ed assicurati alla Giustizia dai Carabinieri. In una successiva perquisizione a casa degli arrestati saaltarono fuori: un navigatore satellitare, arnesi da scasso, orologi, auotoradio ed altro materiale probabilmente frutto di furti precedenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.