Quantcast

Progetto accoglienza estiva di bambini bielorussi. Per l’adesione c’è tempo fino al 20 marzo

Per info: smile@smileonlus.it oppure Patrizia Sciolla 349.8521311 - Alessandra Giraudo 339 2435752

Provincia di Imperia. C’è tempo fino al 20 marzo per aderire alla campagna promozionale per l’accoglienza in famiglia dei bambini bielorussi per l’estate 2017 aperta dall’associazione di volontariato e solidarietà Smile onlus. A Sanremo le famiglie  accoglienti sono già 5.

Ogni anno, più di 150 bambini, vengono ospitati presso le famiglie residenti nelle province di Biella, Vercelli, Alessandria, Asti, Cuneo, Torino, Imperia, Milano e Pavia, sia durante il periodo estivo che durante le Festività Natalizie. Il gruppo Maira conta 25 famiglie e chiede a tutti coloro che fossero interessati all’iniziativa di informarsi con i referenti di zona.

Periodicamente, vengono organizzate spedizioni di aiuti umanitari: medicinali, attrezzature mediche ed ospedaliere, cancelleria e materie prime alimentari, destinati e consegnati direttamente alle comunità locali dei villaggi gemellati di Babici, Rovenskaia Sloboda e Odziatici. Questi villaggi rurali, sono situati in una zona fortemente contaminata (più di 3 curie per Kmq) nella provincia di Gomel, vicino a Rechitza, a poche decine di chilometri dalla centrale nucleare. Chi resta in quei villaggi, ha di fronte un futuro incerto. Per questo occorre un aiuto affinché si possa migliorare la qualità di vita delle famiglie e dei loro bambini.

La fonte principale di contaminazione radioattiva proviene proprio dai prodotti agricoli coltivati in quelle zone. Per questo motivo si è pensato di istituire un progetto mirato ad un migliore sfruttamento delle risorse agricole e dell’allevamento attraverso culture e allevamenti biologici. I ragazzi, soprattutto i più grandi, che vengono ospitati in Italia imparano a conoscere una situazione economico-sociale diversa dalla loro. Guardando al loro futuro, avrebbero sicuramente la volontà di migliorare la loro vita ispirandosi al modello occidentale, ma non ne hanno la possibilità. Il loro destino rimane vincolato dalle ridotte opportunità di svolgere un lavoro che permetta loro di crescere, migliorare la qualità della vita, formare una famiglia e trascorrere una vita serena. Molte volte queste opportunità vengono identificate con l’abbandono del loro paese, l’emigrazione in città o all’estero, con conseguenze nella maggior parte dei casi negative. L’alto tasso di alcolismo nelle persone adulte è un chiaro segno di abbandono, di perdita di identità e di volontà che i ragazzi recepiscono come una conseguenza alla mancanza di prospettive. Per questo motivo la nostra associazione si sta impegnando affinché questi ragazzi, finora considerati “bambini da aiutare”, una volta diventati adulti, possano migliorare oltre che la loro salute anche la loro vita, crescendo loro stessi e facendo crescere il loro paese.

Per info: e-mail: smile@smileonlus.it  oppure Patrizia Sciolla 349.8521311 – presidente Associazione Alessandra Giraudo +39 3392435752