Quantcast

Processo al no border-passeur Fèlix Croft: pm chiede 3 anni e 4 mesi di reclusione e 50mila euro di multa fotogallery

"Non c'era lo stato di necessità per il trasporto dei clandestini"

Più informazioni su

Imperia. Tre anni e quattro mesi di reclusione e una multa di 50mila euro. E’ questa la pena richiesta per il no border – passeur Félix Croft dal pm Grazia Pradella al collegio giudicante presieduto da Donatella Aschero, a latere il giudice Laura Russo e Caterina Lungaro.
Nella sua requisitoria, il pm ha sottolineato più volte che Croft, arrestato in flagranza di reato dai carabinieri di Ventimiglia mentre trasportava in Francia cinque sudanesi clandestini, non ha agito per uno “uno stato di necessità” dei suoi passeggeri.

“Mancava lo stato di necessità”, ha detto durante la requisitoria Grazia Pradella, “Quelle persone potevano richiedere di attivare le procedure per il diritto di asilo ma hanno espresso la volontà di rimanere clandestini. Quello che possiamo affermare con certezza è che non vi era nessun bisogno cogente per il trasporto dei clandestini. O Croft mente ed era già in accordo con qualche organizzazione francese oppure non si era veramente preoccupato di che fine andassero a fare i cinque clandestini compresi due bambini”.

Il pm ha chiesto espressamente che nel processo contro Croft “non entrino argomentazioni di altro tipo e che esulano da una norma che è stata chiaramente violata”. Il no border francese deve essere giudicato per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Più informazioni su