Porto di Imperia: Piera Poillucci (Forza Italia): “I cari giustizialisti rivedano le loro posizioni”

Il consigliere di opposizione commenta la sentenza di lunedì scorso a Torino e offre spunti di riflessione

Imperia. “La sentenza ristabilisce un po’ di equilibrio nella valutazione dei fatti che hanno riguardato così profondamente questa città e finalmente anche coloro che hanno cavalcato l’onda giudiziaria, i “cari giustizialisti” di questa città oggi devono un po’ rivedere le loro posizioni”.

Lo afferma Piera Poillucci, consigliere comunale di Forza Italia a ImperiaTv, a pochi giorni dalla sentenza che ha assolto Caltagirone e altri imputati nel processo d’appello a Torino. “Non dimentichiamoci che abbiamo un’amministrazione variopinta, ma che coagulata dall’essere contro questo porto e contro la gestione privata che era stata data a questo porto”.

Ancora il consigliere di opposizione: “Degli errori indubbiamente ce ne sono stati.  Io siedo in consiglio comunale dal 2010, da quando i problemi hanno cominciato a rivelarsi. Quello che non mi è piaciuto è stata la scoperta dalle intercettazioni telefoniche che non dico vi fosse una forma di riverenza, ma vi era una forma di confidenza con chi avrebbe dovuto realizzare l’opera pubblica per noi che a mio avviso non poteva essere accettata. Così come io ho criticato fortemente il sindaco Carlo Capacci che concludeva i propri contratti quando c’era il ballottaggio e sto parlando dell’affaire Tradeco, gradirei che succedesse in futuro che chi riveste un ruolo pubblico avesse una funzione pubblica integra. Che ci fosse insomma più distanza. Questo non prova niente e non significa niente, però leggere che vari personaggi politici a tutti i livelli si sono avvicendati alla tavola di Caltagirone a me questo non è piaciuto”-