Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ioculano e l’ordinanza della discordia, “Venite a vedere la situazione a Ventimiglia”

Francesi danno cibo ai migranti, denunciati dalla polizia: la sinistra e associazioni insorgono contro il sindaco e attaccano, Fratoianni "Siamo alla vergogna"

Ventimiglia. “Mi farebbe piacere se avessero la cortesia di venire a Ventimiglia a prendere direttamente atto della situazione che effettivamente sussiste sul nostro territorio e di cosa vuol dire gestirla i sig.ri Nicola Fratoianni di SI, Patrizio Gonnella di Antigone e Riccardo Noury di Amnesty International. Magari ne può uscire qualche idea stando sul campo per qualche giorno invece che a km di distanza. Puoi intercedere Walter Massa?

Questo lo sfogo del sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano alle accuse dell’associazione Antigone per via della denuncia di tre francesi che in barba all’ordinanza sindacale, hanno somministrato cibo ai migranti. E come volevasi dimostrare si è scatenato un polverone. Ma il sindaco non ci sta e invita Nicola Fratoianni di SI, Patrizio Gonnella di Antigone e Riccardo Noury di Amnesty International a venire a Ventimiglia a vedere da vicino la situazione difficile che si vive in città.

Sarebbero almeno tre, francesi, le persone denunciate dalla Polizia di Stato per aver ‘somministrato senza autorizzazione cibo ai migranti, art. 650 c.p., contravvenendo ad un’ordinanza del Sindaco di Ventimiglia’. Il fatto, rende noto l’associazione Antigone, “e’ avvenuto lo scorso 20 marzo nella citta’ ligure e ci e’ stato segnalato oggi”.

“Siamo di fronte al capovolgimento di ogni logica. Utilizzare il diritto per colpire e punire episodi di solidarieta’ non puo’ avere e trovare alcuna giustificazione”. dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e della Coalizione Italiana per le Liberta’ e i Diritti civili. “A quanto abbiamo appreso – aggiunge – i ragazzi sarebbero arrivati a Ventimiglia con una macchina carica di generi alimentari e avrebbero iniziati a distribuirli ai migranti presenti alla frontiera con la Francia”.

“Dopo pochi minuti la polizia li avrebbe interrotti e condotti in caserma per identificarli, schedarli e denunciarli. Almeno uno di loro non avrebbe firmato la denuncia poiche’ nessuno era in grado di tradurre il documento e i contenuti dello stesso in francese”, conclude Gonnella.

“Siamo a un punto di non ritorno: a Ventimiglia – scrive su Facebook il leader di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni – i vigili hanno multato tre persone perché hanno dato da mangiare a migranti, per effetto di una ordinanza del Sindaco che non è uno degli sceriffi di Salvini.  È un sindaco del PD.

Questo sarà possibile anche a causa del decreto Minniti. Siamo nel pieno della notte del rispetto della dignità delle persone.  Siamo alla vergogna. Chiederemo ai nostri sindaci e a coloro che verranno eletti di non applicare il decreto e di avversarlo. Sinistra Italiana diserta dalla guerra ai poveri e alle persone deboli che i governi stanno facendo.
Noi facciamo invece una battaglia contro la povertà e per la dignità, perché è immorale che ci sia chi ha troppo e chi nulla.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.