Quantcast
In pubblico

Immigrazione e ospitalità, i sindaci del golfo dianese in piazza con i cittadini

Timori per l'arrivo di profughi nel comprensorio con l'avvicinarsi dell'estate

Giacomo Chiappori

Diano Marina. Dopo San Bartolomeo ecco Diano Marina con i sindaci schierati e preoccupati per il caso dei migranti da ospitare nel golfo. Insieme hanno deciso di vedersi e incontrare i cittadini domani alle 17 nella piazza del Comune.

A fare gli onori di casa sarà Giacomo Chiappori il quale ha già fatto sapere che se i migranti arriveranno a Diano “il Comune getterà terra a Capo Mimosa e Capo Berta creando una barriera per non farli passare. Forse qui hanno dimenticato che si vive di turismo e che solo l’estate scorsa gli arrivi e le presenze sono tornate ad essere positive dopo stagioni decisamente molto critiche. La presenza di migranti in città sarebbe un grave danno di immagine per il turismo e per le categorie commerciali”.

Solo pochi giorni fa era stato il sindaco di San Bartolomeo al Mare Valerio Urso ad aver manifestato i propri timori e preoccupazioni. In una conferenza stampa indetta in Comune aveva spiegato che in cittá erano arrivati 14 migranti ospitati dalla Cooperativa Jobel in un edificio di via dei Gunbi, poco oltre il viadotto dell’autostrada. “Ho saputo del loro arrivo a cose fatte con una lettera arrivata dalla prefettura di Imperia. Solitamente un sindaco dovrebbe essere informato prima e non a fatti o circostanze accadute”.

Ed è probabile che altri profughi arrivino in zona nelle prossime settimane. Domani all’incontro con i cittadini e i sindaci saranno presenti anche le forze dell’ordine.


commenta