Colt a Firenze in ricordo di Borsi

Freddy Colt farà anche visita all’associazione culturale Giosuè Borsi che custodisce cimeli letterari e privati dello scrittore

Sanremo. Martedì 14 marzo alle ore 18 sarà un momento speciale per l’attività editoriale de “Lo Studiolo” e per il suo promotore Freddy Colt: si presenterà, infatti, a Firenze un libro edito poco più di un anno fa ovvero “Dante e Boccaccio” di Giosuè Borsi, un autore di cui lo studioso e musicista sanremese si occupa da più di 15 anni: oltre a questa pubblicazione ha curato in precedenza la nuova edizione del “Capitano Spaventa”, classico per ragazzi riedito da Philobiblon con una preziosa copertina illustrata da Lele Luzzati.

Giosuè Borsi è stato un importante letterato d’inizio Novecento, grande esperto di Dante, novelliere, poeta, attore teatrale, giornalista, terziario francescano e volontario nella Prima Guerra Mondiale, dov’era destinato a morire a soli 27 anni nel 1915. Post mortem gli fu conferita la medaglia d’argento al valor militare e gli furono intitolate, in tutta la penisola, scuole e strade. Di Giosuè Borsi, poi, le edizioni de Lo Studiolo hanno recentemente realizzato la pubblicazione dei due testamenti (materiale e spirituale), sempre per cura di Colt, con il titolo “Parole per i Posteri”.

La presentazione del volume “Dante e Boccaccio”, che raccoglie rari saggi danteschi di Borsi insieme a scritti di Piero Bargellini, Pierangelo Beltramino e Giancarlo Manderioli-Rabolini, si terrà alla Libreria Salvemini nel centro storico di Firenze, a pochi passi da Orsammichele ove Borsi aveva fatto la sua “Lectura Dantis” poco più di cent’anni fa.

Nel corso della trasferta in Toscana, Freddy Colt, accompagnato dalla segretaria editoriale Marilena Vesco, si recherà anche a Livorno per far visita all’Associazione Culturale “Giosuè Borsi” che custodisce i cimeli letterari e privati dello scrittore.